Diritto d’autore e diffusione, convegno del Lions Club Vasto Host - Autorevoli interventi nel corso dell’interessante incontro
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 10/11/2014

Diritto d’autore e diffusione,
convegno del Lions Club Vasto Host

Autorevoli interventi nel corso dell’interessante incontro

I relatori del convegnoSabato mattina, la pinacoteca di Palazzo d’Avalos era gremita di studenti, avvocati e cittadini, interessati a seguire l’appassionante convegno promosso dal Lions Club Vasto Host sul tema "Diritto d'autore e diffusione di massa, fra Giacomo Leopardi ed il web".

L’iniziativa è nata prendendo spunto dalla figura di Giacomo Leopardi, poeta e cultore della filosofia del diritto, celebrato nel film di Mario Martone "Il Giovane Favoloso", proiettato nelle sale cinematografiche in questi giorni. L’incontro moderato dal presidente del Lions Club Vasto Host, l’avvocato Giuseppina Di Risio è iniziato con la lettura de “L’Infinito”, la conosciutissima opera del poeta di Recanati.

Sono seguiti poi gli interventi dei relatori, la cui attenzione si è focalizzata sul rapporto tra poesia, diritto e filosofia al tempo del web, con approfondimento del conflitto fra il diritto d'autore ed il diritto alla gratuita fruizione delle grandi opere intellettuali. Il professor Giovanni Di Giandomenico, Ordinario di Diritto Privato presso l'Università di Campobasso nonché Magnifico Rettore dell'Università Unipegaso, ha parlato del diritto d’autore, accennando ai diritti esclusivi di utilizzazione economica dell'opera e di diritti morali a tutela della personalità dell'autore. Assicurati dalla legge a difesa della personalità dell’autore. Il presidente del Tribunale di Vasto ed autore, fra l'altro, dell'opera "Alle radici della giuridicità", Italo Radoccia ha invece analizzato la visione meccanicistica di Leopardi confrontandola con altri autori come Platone, Arthur Schopenhauer, Shelley e Rousseau. Il presidente Radoccia ha sottolineato il concetto di pessimismo storico, basato sulla teoria delle illusioni.

Teoria che evidenzia che la storia degli uomini non è progresso, ma decadenza da uno stato di inconscia felicità naturale, ad uno stato di consapevole dolore, scoperto dalla ragione. La ragione è colpevole della nostra infelicità. “Le illusioni –ha detto Radoccia- aiutano l’uomo a continuare a vivere”.

Il convegno si è concluso con gli interventi dell’avvocato Ivana Nasti, responsabile dell'Ufficio Legale AGCOM, che ha esposto il rapporto fra il diritto d'autore ed il diritto dell'umanità alla diffusione della cultura e la dottoressa. Ludovica Cesaroni, responsabile del centro studi leopardiani.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi