Denso, Cobas: "Turni pesantissimi e troppe sanzioni disciplinari" - Duro comunicato del sindacato
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 29/10/2014

Denso, Cobas: "Turni pesantissimi
e troppe sanzioni disciplinari"

Duro comunicato del sindacato

La Denso di San Salvo"Con frequenza inaudita, la direzione aziendale, composta da ben 6 direttori dirigenti e 15 funzionari con disponibilità di cospicuo parco auto e lautamente retribuiti, emette nei confronti delle maestranze, ritenute arbitrariamente colpevoli di pezzi di scarto o non in tolleranza, pretestuose ed ingiustificate contestazioni disciplinari". Lo affermano i coordinamenti provinciali di Chieti dello Slai-Cobas e della Confederazione Cobas.

"Le sanzioni conseguenti tali provvedimenti - si legge in un comunicato del sindacato - sono giorni di sospensione dal lavoro, o addirittura richieste di risarcimento danni di centinaia di euro da restituire con trattenute rateali mensili.
Si susseguono minacce di licenziamento nei confronti di attivisti Cobas.

La situazione attuale è notevolmente peggiorata - sostiene il sindacato di base - con episodi gravi e antisindacali:
Terziarizzazione silente in loco di alcuni reparti, con l'utilizzo di maestranze precarie (circa 100 lavoratori) e non qualificate di alcune ditte esterne, per svolgere lavorazioni in precedenza eseguite dai dipendenti Denso.
“Prove tecniche” su turni lavorativi simili agli stabilimenti Fca diretti da Marchionne con sabati e domeniche lavorative (18 turni).

E' intollerabile e palesemente discriminatorio che ci siano operai obbligati a prestare servizio 6 ore al giorno per un massimo di 2 o 3 giorni a settimana, altri che lavorino in straordinario il sabato e la domenica notte, mentre ad alcuni è concessa la volontarietà della prestazione lavorativa in straordinario".
I Cobas si schierano apertamente contro il precariato: "Il lavoro dovrebbe essere redistribuito tra le maestranze in servizio, integrato con eventuali, nuove assunzioni".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi