Doveva accudire il padre malato ma lo intimidiva e maltrattava - Un 30enne allontanato dall’abitazione familiare
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 22/10/2014

Doveva accudire il padre malato
ma lo intimidiva e maltrattava

Un 30enne allontanato dall’abitazione familiare

Foto repertorioInvece di accudire il padre, anziano e malato, lo aggrediva e si appropriava del suo denaro. A scoprire quanto accadeva in una famiglia vastese sono stati gli uomini del commissariato di Vasto, guidati dal vice questore Alessandro Di Blasio. 

"L’uomo era stato affidato alle cure del figlio, nominato amministratore di sostegno e dunque incaricato a provvedere alla gestione della vita quotidiana del congiunto - spiega il dirigente del Commissariato-. Gli accertamenti effettuati, al contrario, consentivano di appurare, che il figlio, invece di assistere l’anziano lo intimidiva e maltrattava, non somministrandogli i pasti ed omettendo di provvedere all’acquisto di beni di prima necessità e di medicinali".

Erano state le sorelle dell'anziano, appurato quanto accadeva tra le mura domestiche, a presentare denuncia. "Gli accertamenti investigativi effettuati hanno evidenziato come la persona offesa sia stata vittima di aggressioni, comportamenti vessatori e maltrattamenti. Inoltre, il figlio, avendo la disponibilità del libretto di risparmio del padre, invece di provvedere alle esigenze di vita del genitore, si era appropriato di una cospicua somma di denaro che destinava a scopi personali. Dopo quanto emerso, Il Giudice Tutelare ha naturalmente revocato la nomina di amministratore  di sostegno al figlio, affidando l’anziano alle cure di  una delle sorelle".

A carico del responsabile, identificato per T.C., di anni 30, dal G.I.P.  è stata emessa ordinanza applicativa di misura cautelare dell’allontanamento  dalla casa familiare con il divieto di non avvicinarsi  ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima. Nel caso dovessero verificarsi nuovamente episodi simili, per il giovane scatteranno misure ancora più restringenti. 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi