Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 15/10/2014

"Sconfitte in provincia e a Vasto,
è Forza Italia la vera causa"

Centrodestra al veleno - Sigismondi e Tavani (Fdi) replicano

Da sinistra Antonio Tavani ed Etelwardo Sigismondi (Fdi)Il clima è rovente. Nel centrodestra, dopo i risultati delle provinciali, è scambio di accuse reciproche tra Forza Italia e Fratelli d'Italia.

"Già nel mese di agosto abbiamo annunciato pubblicamente la nostra motivata non partecipazione al voto, ed anche ai vertici di tutti i partiti alleati del vecchio centrodestra". Etelwardo Sigismondi e Antonio Tavani, rispettivamente dirigente nazionale e portavoce provinciale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, rispondono a muso duro alle polemiche di Antonio Monteodorisio, consigliere comunale di Forza Italia, e di Nicola Scaricaciottoli, candidato del centrodestra alla presidenza della Provincia di Chieti.

"Nessuna questione che non sia interna al partito di Forza Italia può essere presentata a cagione della grave sconfitta", affermano i due esponenti del partito di cui è leader nazionale Giorgia Meloni, che rinfacciano agli alleati le sconfitte degli ultimi anni, comprese le due batoste prese alle elezioni comunali di Vasto del 2006 e del 2011: "Non si possono costruire fuori congetture che invece sono verità interne a Forza Italia, sulla cui classe dirigente - polemizzano Sigismondi e Tavani - grava quasi interamente la responsabilità delle gravi sconfitte amministrative di Lanciano Vasto e Ortona, madri di questa sconfitta alle provinciali".

“Fratelli d’Italia-An è un partito coerente, e i suoi amministratori non sono andati a votare perché convinti di ciò che ampiamente e legittimamente hanno denunciato i vertici provinciali e poi quelli regionali riguardo ad elezioni farsa, che hanno seguito abolizioni farsa delle province. I risultati elettorali hanno dimostrato che solo due partiti (Fi e Pd) e un ristretto manipolo di consiglieri ponderanti, hanno stabilito i nomi dei consiglieri provinciali: tutto ciò rafforza la nostra convinzione per la quale è stata cancellata la democrazia, non l’ente Provincia”. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi