Discarica sul Sinello, Leonzio: "Ordinanza di rimozione immediata" - Lo chiede il direttore dell’Associazione Onlus Ambiente Sport e Cultura
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 27/09/2014

Discarica sul Sinello, Leonzio:
"Ordinanza di rimozione immediata"

Lo chiede il direttore dell’Associazione Onlus Ambiente Sport e Cultura

Paolo LeonzioPaolo Leonzio, direttore dell'associazione Onlus Ambiente Sport e Cultura, interviene nuovamente sulla discarica rinvenuta sulle sponde del fiume Sinello.

"Il sindaco di Vasto Lapenna  - dice Leonzio - ha dichiarato che “Per la discarica segnalata sulle sponde del fiume Sinello, la competenza e la responsabilità della bonifica non è del Comune di Vasto ma di altro ente: il Consorzio di Bonifica”. Questa associazione, autrice della denuncia circa l’esistenza della discarica, non può certo essere soddisfatta da una risposta così evasiva e da scaricabarile. Infatti, un Sindaco, nella sua qualità di Ufficiale di Governo, con doveri circa qualità dell’ambiente e salute pubblica, deve emettere ordinanza di rimozione immediata nei confronti del proprietario del terreno e non genericamente individuare nel Consorzio di Bonifica l’ente obbligato alla rimozione.

In ordine alla notizia dei finanziamenti regionali per la messa in sicurezza di alcune discariche presenti sul territorio abruzzese - prosegue Leonzio - esprimiamo soddisfazione per l’inserimento, nell’elenco, di realtà più volte segnalate da questa associazione, operativa su tutto il territorio regionale ma al contempo, rileviamo come da esso manchino risorse affinché vengano sanate altre gravi situazioni pur da noi evidenziate. Inoltre, non è chiaro quale tipo di intervento sarà eseguito sulle discariche interessate, essendosi limitato l’intervento regionale alla mera messa in disponibilità delle risorse, oltretutto non sufficienti alla soluzione definitiva della grave realtà ambientale. A tal riguardo, resterà alta la nostra attenzione, affinché la messa in sicurezza delle discariche venga veramente effettuata nel rispetto dei criteri di legge.  

La Regione, però - conclude Leonzio -, non ha mostrato interesse per altre gravi situazioni ambientali, quali quelle relative alla inefficienza o inesistenza di impianti di depurazione delle acque. Da queste gravi carenze, infatti, scaturiscono importanti compromissioni delle acque fluviali che scaricano direttamente a mare. L’autorità giudiziaria, che già ha mostrato attenzione per quanto da noi segnalato, continuerà ad essere certamente vigile su di una situazione che va peggiorando col passar del tempo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi