CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 23/09/2014

Banda del buco, furti a Vasto:
primo arresto, è un 29enne

Procura e carabinieri indagano per risalire agli altri componenti della gang

Carabinieri di VastoI carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Vasto hanno eseguito il fermo di un indiziato di rerato emesso, dalla Procura della Repubblica di Vasto a firma del pm Enrica Medori, a carico del cittadino rumeno Marian Sile Comardici, di 29 anni. Il provvedimento restrittivo è scaturito a seguito di articolate indagini compiute dai carabinieri di Vasto i quali, attraverso precisi accertamenti tecnici e di laboratorio, sono riusciti ad identificare uno degli appartenenti alla banda del buco responsabile di una serie di furti in appartamento nei mesi estivi in Vasto e Vasto Marina.

Comardici stava per lasciare il territorio nazionale in quanto colpito da specifico provvedimento emesso dalla Prefettura di Siracusa nel gennaio 2014.

Le indagini, compiute dai militari, hanno rilevato che gli esecutori dei furti si recavano spesso in Romania dove, con ogni probabilità, piazzavano la merce rubata. I responsabili dei delitti hanno sempre operato in ore notturne, accedendo all’interno delle abitazioni praticando un foro alle varie serrature, anche quando gli occupanti dormivano. Proprio per tale tecnica sono stati appellati come la banda del buco.
L’odierno arrestato più volte si è reso responsabile di analoghi reati nel territorio nazionale e in ben 5 diverse circostanze ha dichiarato false generalità, tant’è che negli ultimi 7 anni, sino a gennaio 2014, ha scontato una pena detentiva per furto e rapina sotto altro nome.

Le indagini continuano ininterrottamente non escludendo ancora nuovi sviluppi positivi. L’arrestato, condotto nel carcere di Vasto, dovrà rispondere di concorso in furto in abitazione con varie aggravanti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi