Cobas: "Non è stata una fatalità, la causa è la petrolizzazione" - Capodogli spiaggiati, scoppiano le polemiche
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 12/09/2014

Cobas: "Non è stata una fatalità,
la causa è la petrolizzazione"

Capodogli spiaggiati, scoppiano le polemiche

Domenico Ranieri (Confederazione Cobas)"E' un avvenimento drammatico, ma non è stata una inevitabile fatalità", afferma la Confederazione Cobas di Chieti e Pescara.

Secondo il sindacato, i 7 capodogli spiaggiati a Punta Penna, cosa che nessuno, a memoria d'uomo, ricorda sia mai accaduto a Vasto, rappresentano un segnale ben preciso di alterazione dell'ecosistema. I Cobas puntano il dito contro le perforazioni petrolifere in mare.

"Non c'è bisogno di essere scienziati dell'ambiente, biologi marini, climatologi o metereologi - afferma Domenico Ranieri - per comprendere che la devastazione ambientale, l'inquinamento forsennato dei mari, l'insostenibile circolazione e moltiplicazione di produzioni tossiche dettate dalla sciagurata logica del profitto, sono all'origine di questa tragedia. Ed è ancora più grave che essa sia accaduta su una spiaggia che fa parte di una riserva naturale che deve essere rispettata e tutelata.

Se immaginiamo cosa ancora potrebbe succedere se andasse in porto, (come è nell'intenzione di governo, imprenditori e multinazionali senza scrupoli), la sempre più sbandierata petrolizzazione del Medio e Basso Adriatico, allora sì che la catastrofe sarebbe annunciata ed inevitabile.

Non è bastato che l'anno scorso il 13 aprile a Pescara in 40.000 abbiamo detto no allo scempio del progetto Ombrina, lor signori ci stanno riprovando ancora.

Addirittura nell'imminente decreto governativo Sblocca Italia si vuole inserire una clausola, per cui, su questioni riguardanti l'allocazione di impianti inquinanti, si bypasseranno anche eventuali pareri contrari da parte degli enti locali, avocando tutti i poteri decisionali al governo.

Tutto questo non può e non deve accadere. Bisogna essere pronti a costruire altre mobilitazioni come quella del 13 aprile 2013 insieme a tutta la popolazione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi