Trabocchi e traboccanti, incontro con lo storico a palazzo d’Avalos - Appuntamento questa sera alle 19
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Eventi 06/09/2014

Trabocchi e traboccanti, incontro
con lo storico a palazzo d’Avalos

Appuntamento questa sera alle 19

Trabocchi e traboccantiLungo la costa adriatica, da Ortona a Vasto, resistono ancora alla furia delle mareggiate una cinquantina di trabocchi, strane macchine da pesca, paragonate da d’Annunzio a ragni colossali e a scheletri smisurati di anfibi antidiluviani.

Definite dallo storico Pietro Cupido “fragili zattere aeree”, queste “macchine per vivere” oggi non hanno più la funzione economica rivestita fino a qualche decennio fa, ma meritano un futuro, per il loro valore simbolico, paesaggistico, culturale, perché depositarie di sapienza e di ingegnosità secolari.

Non solo: le potenzialità economiche legate ad un’accorta politica turistica sono infinitamente superiori alle prospettive offerte dalla petrolizzazione dell’Adriatico e dalla cementificazione delle coste.

Di trabocchi e traboccanti si parlerà il 6 settembre, alle 19.00, nella Sala della Pinacoteca di Palazzo D’Avalos, ove avrà luogo l’incontro, promosso dal CAI Vasto e curato da Nicola Racano, con lo storico Pietro Cupido, autore del volume “Trabocchi, traboccanti e briganti”, pubblicato nel 2003 da Menabò Edizioni. E’ prevista anche la lettura di brevi testi dannunziani sul tema, tratti dal Trionfo della morte.

L’escursione della mattina di sabato lungo la costa dei trabocchi (da Fossacesia a San Vito) e quella di domenica 7 lungo la Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci costituiranno una degna cornice naturalistica alle tematiche affrontate nell’incontro.

Cai Vasto

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi