Spiaggia, sequestrati stanotte centinaia di ombrelloni abusivi - Blitz di guardia costiera, polizia e protezione civile nella riserva dunale di vasto marina
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 14/08/2014

Spiaggia, sequestrati stanotte
centinaia di ombrelloni abusivi

Blitz di guardia costiera, polizia e protezione civile nella riserva dunale di vasto marina

Vasto Marina, ore 23,30 del 13 agosto: un carico di materiale sequestratoGuardia costiera, polizia e protezione civile hanno fatto piazza pulita di tutto ciò che era stato abusivamente lasciato sull'arenile: centinaia di ombrelloni, sedie, lettini, salvagenti, materassini e attrezzi per i giochi di sabbia sono stati sequestrati nel blitz messo a segno stanotte nella spiaggia della Riserva naturale delle dune di Vasto Marina.

Il blitz è scattato nella serata di ieri. Già dalle 22 non sono passati inosservati i mezzi con cui i volontari della protezione civile di Vasto stavano facendo avanti e indietro tra la spiaggia e il camion parcheggiato in lungomare Duca degli Abruzzi. Nel cassone sono stati caricati centinaia di ombrelloni piantati abusivamente sul demanio e, con essi, tutte le annesse attrezzature da mare.

Il materiale sequestrato è stato registrato e inventariato sul posto dai militari dell'Ufficio circondariale marittimo di Punta Penna. Il tratto meridionale della spiaggia è tornato libero. Nelle aree in cui non esistono stabilimenti balneari i bagnanti possono piantare i propri ombrelloni, ma non in modo permanente: al termine della giornata vanno rimossi.

Il resoconto della guardia costiera - "Come è noto nei tratti di spiaggia libera, nessuno ed in nessun modo può istituire un diritto di prelazione rispetto al luogo dove piazzarsi per godere del sole e del mare. Tanti invece hanno l’abitudine (illegale) di piantare l’ombrellone in un punto e di lasciarlo lì, così da avere il proprio posto assicurato per tutta la stagione balneare impedendone la libera fruizione ad altri cittadini", si legge nel resoconto stilato dal tenente di vascello Giuliano D'Urso, comandante della guardia costiera di Vasto.

"Numerosi i tratti di spiaggia libera, a Vasto Marina, che continuano ad essere interessati da questo fenomeno: in piena area Sic, questa notte gli uomini della guardia costiera di Vasto in collaborazione con gli operai del Comune di Vasto e con uomini e mezzi della Gruppo comunale di Protezione Civile di Vasto coordinati da Eustachio Frangione hanno potuto ripulire solo tre spiagge libere per la quantità degli attrezzi ritrovati sul posto. Una pattuglia del Commissariato di pubblica sicurezza di Vasto ha coadiuvato nell’assicurare una adeguata cornice di sicurezza consentendo agli operatori di rimuovere le attrezzature.
Nello specifico, è stata contestata agli ignoti trasgressori la violazione dell’Ordinanza Balneare DI 12/9 della Regione Abruzzo, che all’articolo, 3 punto 2 lettera i, vieta durante la stagione balneare di 'lasciare oltre il tramonto del sole, nei tratti di spiaggia libera, ombrelloni, attrezzature da spiaggia (lettini, sdraio, sedie, etc.), tende o qualsiasi altra struttura'.

Complessivamente - fa i conti D'Urso - sono state rimosse e sequestrate centinaia di attrezzature, nello specifico sono oltre 150 gli ombrelloni, oltre 137 sedie/sdraio/lettini, 46 i contenitori con diversi giochi da spiaggia e gonfiabili. Tali attrezzature tra l’altro impediscono che possa essere effettuata, in piena area Sic nonché Riserva naturale regionale Marina di Vasto, la pulizia della spiaggia non consentendo l’accesso dei mezzi predisposti dal Comune per assicurare tale servizio per i cittadini.
E’ ovvio che i proprietari delle attrezzature che dovessero decidere di presentarsi negli Uffici del Circomare per rivendicare ombrelloni e quant’altro incapperebbero nella sanzione di 200 euro per ogni singola attrezzatura lasciata sulla spiaggia.
Il materiale sequestrato, qualora i legittimi proprietari non dovessero reclamarlo, verrà confiscato avviando la procedura di distruzione o vendita all’asta o di devoluzione delle merci sequestrate.
L’operazione si ripeterà al fine di assicurare la libera fruizione delle spiagge libere a favore di tutti i cittadini".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi