Nuove farmacie territoriali: "L’Abruzzo è in ritardo" - La denuncia di Mario Olivieri, Presidente della Commissione Sanità e Affari Sociali
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 31/07/2014

Nuove farmacie territoriali:
"L’Abruzzo è in ritardo"

La denuncia di Mario Olivieri, Presidente della Commissione Sanità e Affari Sociali

"La Regione Abruzzo è in notevole ritardo nell’espletamento del concorso per il conferimento delle nuove sedi delle farmacie territoriali, conseguente alla rideterminazione delle piante organiche da parte dei comuni della Regione, avvenuta a suo tempo". Lo sostiene Mario Olivieri, Presidente della Commissione Sanità e Affari Sociali Regione Abruzzo.

"Non è comprensibile - prosegue Olivieri - la motivazione di tale ritardo che, nel mentre non rispetta i tempi dettati dalla norma legislativa, D.L 24/1/2012 n.1, convertito in legge (presentazione delle domande entro l’11/1/2013 ed espletamento del concorso entro il 2013 ), determina una  mancata opportunità per migliorare la situazione occupazionale ed economica di professionisti che, probabilmente in questo momento non sono stabilmente occupati.

Il numero delle sedi da ricoprire nella nostra Regione è di 85, in seguito al ricalcolo che i comuni hanno da tempo espletato. E’ da augurarsi che la burocrazia non sia la responsabile di tale situazione e che il tempo perso venga rapidamente recuperato, nell’ottica dello spirito della legge.

Da parte nostra - conclude Olivieri - saremo vigili, affinché l’impasse nella quale si trova la nostra Regione nella conclusione della procedura concorsuale, sia velocizzata e conclusa nel più breve tempo possibile".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi