Protesta alla Sider: "Il nostro futuro è un punto interrogativo" - I lavoratori della Sider Vasto si sentono abbandonati
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 01/07/2014

Protesta alla Sider: "Il nostro
futuro è un punto interrogativo"

I lavoratori della Sider Vasto si sentono abbandonati

I lavoratori questa mattina davanti alla Sider Vasto"Il nostro futuro? È un grande punto interrogativo". I lavoratori della Sider Vasto questa mattina erano davanti ai cancelli della fabbrica nella zona industriale di Punta Penna. "Ieri scadeva il periodo di cassa integrazione e quindi questa mattina ci siamo presentati per lavorare". Ma per loro il cancello è rimasto chiuso. Solo un operaio, addetto alla manutenzione, era all'interno. "Ci dicono che siamo stati messi in ferie forzate, ma non ci risulta nessun accordo scritto tra l'azienda e i sindacati su questa decisione".

La situazione è ormai arrivata ai limiti dell'esasperazione, perchè i lavoratori non hanno idea di cosa potrà accadere nel loro futuro. Tra accordi saltati, proposte di mobilità, speranze di cassa integrazione in deroga, la vicenda ha contorni poco chiari. "Ci sentiamo abbandonati da tutti - dicono i lavoratori - e non sappiamo cosa ne sarà di noi", lamentando anche l'assenza dei rappresentanti sindacali al presidio di questa mattina. 

L'azienda resta ferma nella sua proposta di mobilità volontaria per 15 persone, mentre i sindacati confidano nel rifinanziamento della cassa integrazione in deroga (dovrebbe esserci un incontro nei prossimi giorni in Regione). Ma i lavoratori, così come annunciato un mese fa, di cassa integrazione non vogliono sentir parlare. Per loro l'unica via d'uscita è la mobilità per tutti. In attesa che magari arrivino notizie positive su possibili compratori interessati a quella che fino a qualche anno fa era una fiorente realtà produttiva. 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi