Ospiti: Sabrina Bocchino (consigliera regionale Lega), Gianni Cordisco (segretario provinciale Pd), Michele Spadaccini (imprenditore) CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Cronaca 26/06/2014

Inchiesta sulle contravvenzioni,
uno dei 4 vigili torna in libertà

Tribunale del riesame

Luglio 2013. Il blitz dei finanzieri al Comando vigili di San SalvoE' tornato in libertà Dino Di Fabio, uno dei quattro agenti della polizia municipale di San Salvo finiti sotto inchiesta nell'ambito dell'indagine sulla gestione delle contravvenzioni.

Il Tribunale del riesame dell'Aquila ha accolto l'istanza formulata dagli avvocati difensori, Clementina De Virgiliis e Alessandra Cappa, annullando il provvedimento restrittivo.

Su ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del capoluogo, Giuseppe Romano Gargarella, Di Fabio era finito ai domiciliari il il 27 maggio scorso insieme a tre suoi colleghi: l'ex comandante Benedetto Del Sindaco, il maresciallo Carmela Felice e l'agente Angela Monaco. Rimangono tutti e quattro sospesi dal servizio.

I sostituti procuratori di L'Aquila e Vasto, David Mancini ed Enrica Medori, ipotizzano nei confronti dei vigili sotto inchiesta i reati di "associazione a delinquere, peculato, falso, abuso d’ufficio, accesso abusivo al sistema informatizzato del Pubblico registro automobilistico, minaccia a pubblico ufficiale e violenza a terzi soggetti a conoscenza dei fatti, al fine d’impedire l’accertamento dei reati da loro commessi e dell'esistenza del connubio criminale". 

Gli indagati si sono dichiarati innocenti fin dal 12 luglio 2013, giorno in cui i finanzieri della Compagnia di Vasto e del Nucleo di polizia tributaria di Chieti, agli ordini del maggiore Alberto De Ventura, eseguirono un blitz nel Comando vigili di piazza San Vitale, sequetrando cellulari e computer da cui sarebbero emersi gli elementi che hanno condotto la magistratura a emettere i provvedimenti restrittivi.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi