"Grazie alla scuola Martella per aver cresciuto i nostri figli" - La lettera di una mamma per ringraziare docenti e personale
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 12/06/2014

"Grazie alla scuola Martella per
aver cresciuto i nostri figli"

La lettera di una mamma per ringraziare docenti e personale

Foto-ricordo a fine scuola11 giugno 2014, eccoci qui, davanti all’ingresso della scuola primaria Luigi Martella, la Bachelet come la chiama la maggior parte di noi; genitori, alunni, insegnanti, gli angeli custodi dei nostri figli i bidelli, tutti pronti a festeggiare la fine di un altro anno scolastico. Per alcuni alunni questo però sarà un giorno “speciale”, la fine di un percorso durato cinque anni, la fine di un cammino di crescita e maturazione, la conclusione della scuola Primaria. Eccoli, gli alunni delle quinte che si posizionano uno accanto all’altro nel giardino della scuola, i volti sorridenti, tutti in febbrile attesa che la festa abbia inizio. Subito veniamo travolti da un turbinio di canti, balli, poesie; l’allegria regna sovrana sotto il caldo sole di giugno, anche se già da qualche volto inizia a trasparire un velo di malinconia, si sta chiudendo una fase del percorso di crescita, una fase lunga ben cinque anni. I ragazzi, che fatica dire “ragazzi” per noi genitori sono gli stessi bambini che cinque anni fa varcavano per la prima volta, timorosi, l’ingresso della scuola elementare, ecco i ragazzi che si abbracciano, fanno il trenino, ci mostrano quante competenze hanno acquisito, c’è chi suona la batteria, chi canta una canzone rap scritta di proprio  pugno che parla di amore, fratellanza, pace.

Festa di fine annoLi guardo e penso: in un periodo in cui le “brutte notizie” la fanno da padrone, fa bene al cuore vedere quanta  bella gioventù ci circonda, quanto la scuola abbia saputo valorizzare ciascuno di loro. Osservo le maestre, nei loro sguardi si legge l’orgoglio di aver “cresciuto” tanti alunni, certo non è stato sempre facile, però nessuna insegnante si è mai scoraggiata! Con quanta pazienza hanno affrontato e superato le difficoltà che quotidianamente si sono presentate. Grazie maestre tutte per aver arricchito i nostri figli non solo culturalmente, grazie a tutto il personale non docente per aver supportato e, spesso, “sopportato” l’irruenza dei ragazzi. Le lacrime iniziano a rigare i volti di molti  alunni e di qualche genitore, fanno tenerezza,  si abbracciano come se dovessero partire per un viaggio senza ritorno... Un po’ li capisco, c’è la tristezza di non incontrarsi più tutti i giorni in classe, ma a breve si renderanno conto che questi anni resteranno impressi nelle loro menti per sempre! Grazie a tutta la scuola per aver trasformato i nostri cuccioli in ragazzi pronti a spiccare il volo verso la scuola media, proprio come i tanti palloncini bianchi che a fine mattinata gli alunni hanno liberato nel cielo azzurro di Vasto.

Una mamma

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi