Episodi di violenza, Lapenna: "Grato alle forze dell’ordine" - Il sindaco di Vasto esprime a nome di tutta la città la sua profonda gratitudine e riconoscenza
 
Vasto   Attualità 09/06/2014

Episodi di violenza, Lapenna:
"Grato alle forze dell’ordine"

Il sindaco di Vasto esprime a nome di tutta la città la sua profonda gratitudine e riconoscenza

Luciano LapennaIl sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, esprime a nome di tutta la città la sua profonda gratitudine e riconoscenza alle forze dell’ordine per aver assicurato alla giustizia, in modo tempestivo, i presunti autori dei gravi episodi di violenza che nelle scorse settimane avevano scosso non poco l’opinione pubblica vastese.

Il risultato atteso è figlio della grande professionalità delle forze dell'ordine e un ringraziamento particolare è rivolto al Questore di Chieti Filippo Barboso, al Colonnello dei Carabinieri Salvatore Ronzo, al Commissario della P.S. Cesare Ciammaichella e al Maggiore dei Carabinieri Giancarlo Vitiello. Nelle ore immediatamente successive all'agguato in via del Porto il primo cittadino di Vasto aveva incontrato il Maggiore Vitiello, chiedendogli di procedere con tempestività nelle indagini, ottenendo dall'ufficiale rassicurazioni "sull’accuratezza e la celerità delle indagini e sul massimo impegno da parte delle Forze dell’Ordine per fare piena luce sull’accaduto e assicurare il colpevole alla giustizia". 

"Ancora una volta – sottolinea oggi Lapenna – nel silenzio delle indagini, senza clamori, sono stati assicurati alla giustizia i presunti responsabili di gravi reati, le istituzioni dimostrano così di essere presenti e di lavorare nell’esclusivo interesse dei cittadini, della collettività e del territorio. La sinergia tra le Forze dell’Ordine per il raggiungimento di questo importante obiettivo – continua Lapenna – dovrebbe essere per tutti noi un esempio su come sia necessario essere uniti e fare squadra in materia di sicurezza pubblica, senza lasciarsi andare a speculazioni e facili divisioni dannose e pericolose per la nostra città". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi