CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 05/06/2014

Fiab Vasto Pedala, lettera aperta
a Franceschini, Lupi e Galletti

Si rivolge ai ministri per tutelare la mobilità sostenibile

La rete ciclabile nazionaleIn Europa si assiste ad un vero e proprio boom del turismo in bicicletta e della mobilità sostenibile declinata sulle due ruote. Purtroppo l’Italia resta un fanalino di coda, non può contare su una rete sovraprovinciale e sovraregionale di piste ciclabili e ogni investimento in questo senso stenta a decollare.

Anche l’Abruzzo offre grandi potenzialità, ma ancora un limitato sviluppo. La zona del Vastese - che rientra appieno all’interno del progetto Ve.Le che vuole unire con una pista ciclabile unica le città di Venezia e Lecce - si trova ancora molto indietro. C’è ancora tanto da fare per i diversi comuni della costa, da Ortona a Casalbordino, da Vasto a San Salvo per poi proseguire in Molise con Petacciato, Montenero e Termoli. Eppure, lo sviluppo delle due ruote, in sinergia con altre modalità di trasporto sostenibile, potrebbe essere la ricetta vincente per un cambio di paradigma e una “rivoluzione” pacifica della mobilità, stimolando anche la crescita del comparto turistico e occupazionale e concedendo una migliore qualità della vita.

La Fiab Vasto Pedala, seguendo la campagna nazionale di giugno della Fiab nazionale che vuole portare attenzione su questo problema, scrive direttamente al Ministro del Turismo, Dario Franceschini, al Ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi e al Ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti.

Qui il testo integrale della lettera.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi