Duplice omicidio: Del Vecchio condannato a 20 anni di carcere - La sentenza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 27/05/2014

Duplice omicidio: Del Vecchio
condannato a 20 anni di carcere

La sentenza

L'omicidio di via AnghellaÈ stato condannato a 20 anni di carcere Marco Del Vecchio, 39 anni, per l'omicidio dei suoi genitori, Emidio Del Vecchio, 78 anni, e Adele Tumini, 75 anni. Il delitto, avvenuto nel pomeriggio del 17 novembre 2012, era stato scoperto in nottata dai carabinieri di Vasto, entrati in casa insieme alla sorella di Del Vecchio, Nicoletta, preoccupata perché da diverse ore non riusciva a contattare i genitori.

Il 18 novembre, in mattinata, il responsabile dell'efferato delitto era stato arrestato sulla Loggia Amblingh e trovato in possesso di un coltello.

Al termine di 16 udienze e diversi sopralluoghi sul luogo del delitto e in carcere per le perizie sull'imputato, il giudice monocratico Anna Rosa Capuozzo ha comminato la pena di 20 anni di reclusione, riconoscendo le attenuanti generiche e considerandole equivalenti alle aggravanti richieste dall'accusa (crudeltà e minorata difesa delle vittime), più un risarcimento del danno da quantificarsi in un processo civile e, infine, l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Il pm Enrica Medori aveva chiesto l'ergastolo. Entro 90 giorni verranno depositate le motivazioni della sentenza.

Il pubblico ministero così commenta: "In linea di principio - dice il sostituto procuratore Medori - dico che presenterò ricorso per Cassazione per la rimodulazione della pena, ma prima voglio leggere le motivazioni della sentenza.

Anche la difesa, rappresentata dall'avvocato Raffaele Giacomucci, deve valutare se presentare appello avverso il verdetto, nel tentativo di ottenere una pena inferiore. In quel caso, si incardinerebbe un processo di secondo grado dinanzi ai giudici della Corte d'assise d'appello dell'Aquila.

Gianni Menna, avvocato della parte lesa (Nicoletta e Osvaldo Del Vecchio, gli altri due figli delle vittime) racconta la reazione dell'imputato: "Siamo molto scossi dall'atteggiamento di Marco Del Vecchio che, alla lettura della sentenza, ha mostrato un'eccessiva aggressività, cercando di divincolarsi, ma è stato bloccato da cinque agenti di polizia". Menna ricorda poi "le due perizie psichiatriche, entrambe favorevoli all'accusa".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi