Ronzitti: "Il Vastese diventi polo turistico per diversamente abili" - -2 alle elezioni 2014
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 24/05/2014

Ronzitti: "Il Vastese diventi polo
turistico per diversamente abili"

-2 alle elezioni 2014

Incoronata Ronzitti“L’obiettivo è la valorizzazione del turismo nella realizzazione di un turismo diversamente abile quale volano di un'economia turistica alternativa, aggiuntiva ed esclusiva. Progetto che se riuscisse ad essere realizzato vedrebbe l'Abruzzo la prima Regione europea con un turismo che va oltre la disabilità e che è in grado di garantire autonomia ed indipendenza ai fruitori ‘speciali’ permettendo alle incomparabili ed innegabili bellezze naturali abruzzesi di essere godute da

Tutti”. Lo ha affermato Incoronata Ronzitti, candidata alla carica di consigliere regionale per la lista Regione Facile con D’Alfonso presidente, al termine dell’incontro di ieri sul tema Per un Turismo Ssspeciale, svoltosi in località Piano di Marco, cui ha partecipato quale relatore il professor dottor Giancarlo Zappacosta, dirigente Settore Turismo della Regione Abruzzo e già direttore delle Politiche Sociali. Da sempre sensibile e vicino al mondo della socialità oltre che tecnico-amministratore competente, il dottor Zappacosta è stato nel passato fautore insieme a Simone Alinovi di proposte di legge e suggerimenti che potessero trasformarsi in disposizioni normative nel mondo della disabilità o, come ama dire lui, nel mondo della diversa abilità, dove il segmento di valutazione e considerazione è quello, appunto, della diversa abilità e non della disabilità.

“Il progetto che è stato illustrato – spiega Ronzitti - riguarda la possibilità di creare un turismo indipendente ed autonomo per i diversamente abili, dove il faro guida deve necessariamente essere rappresentato dalla politica che ha il dovere civico oltre che l'obbligo morale di sposare la grande causa della socialità e della solidarietà”.

E' intervenuto anche il dottor Lucio Del Forno, primario del reparto di Medicina all'Ospedale di Vasto, che ha posto in evidenza come l'assenza di strutture idonee all'esercizio fisico e la mancanza dell'abbattimento delle barriere architettoniche, ostacolino di fatto la medicina preventiva che è l'unica vera forma per evitare l'insorgere di alcune malattie, in special modo, delle malattie cardiovascolari causa di ictus cerebrali ed infarti del miocardio.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi