"Progetti a rischio ambientale, cambiare il comitato Via" - Verso le elezioni regionali 2014 - alessandro cianci (sel)
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 15/05/2014

"Progetti a rischio ambientale,
cambiare il comitato Via"

Verso le elezioni regionali 2014 - alessandro cianci (sel)

Da sinistra Mauro Del Piano, Alessandro Cianci e Anna Suriani (Sel)Per evitare l'approvazione di progetti rischiosi per l'ecosistema abruzzese, è necessario "rivedere la formazione del Comitato Via", l'organo collegiale regionale che si occupa della valutazione d'impatto ambientale, necessaria ad autorizzare nuovi insediamenti industriali ed estrattivi.

Nei giorni in cui tornano a divampare le polemiche sulle possibili nuove piattaforme petrolifere al largo della costa vastese e, più in generale, nel mare abruzzese, Alessandro Cianci, candidato di Sinistra ecologia e libertà alla carica di consigliere regionale, rivolge questa proposta nell'incontro con le associazioni del territorio.

Vista la complessità dei progetti da vagliare e i rischi per l'ambiente e per la salute della popolazione, il Comitato Via della Regione Abruzzo non può essere composto da "tuttologi" costretti a "decidere in poco tempo su progetti industriali diversi" ed è dunque necessaria "una riorganizzazione" con membri che abbiano competenze specifiche sulle proposte presentare dalle aziende.

Le associazioni - Insieme all'assessore comunale Anna Suriani e al consigliere comunale Mauro Del Piano, Cianci ha incontrato i rappresentanti di diversi sodalizi, affermando che bisogna "mettere mano alle leggi di finanziamento delle associazioni" a partire dalla normativa voluta dall'ex assessore regionale De Fanis con la logica del "finanzio chi voglio - sottolinea Cianci - con le conseguenze che conosciamo, fino ai risvolti penali". Invece, le leggi regionali sull'associazionismo devono "premiare la progettualità" e promuovere la "democrazia partecipata" perché "solo con lo scambio e il networking si riesce a raggiungere qualche risultato concreto".

Anna Suriani critica il governo regionale di centrodestra: "La gestione Chiodi è stata campanilistica e a poco sono servite le timide lamentele dei rappresentanti vastesi del centrodestra", visto che "le risorse sono state concentrate solo in determinati ambiti". In campo ambientale, "la vicenda Ombrina mare è un sintomo dell'atteggiamento del governo regionale: significa non comprendere la vocazione dei territori, non credere nel Parco della Costa teatina". Quindi rivendica il valore della trasparenza: a Vasto "sono otto anni che amministriamo e non siamo stati sfiorati nemmeno da un'ombra, nemmeno da una macchia. In particolare, il nostro partito è fatto di gente che ci mette passione e che ci rimette tempo e soldi".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi