CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 11/05/2014

"Ci siamo anche noi": decine
di bici al primo critical mass

Ieri il raduno per sensibilizzare sulla mobilità a due ruote

Le bici in piazza Rossetti"Un successo inaspettato il primo critical mass a Vasto". Questo l'entusiasta commento dei promotori di questo raduno di biciclette che si sono ritrovate ieri pomeriggio nel quartiere San Paolo e, tra fischietti, trombette e campanelli, hanno percorso le strade di città fino ad arrivare nella centrale Piazza Rossetti.

Qui hanno circondanto il monumento al poeta Gabrielele Rossetti rivendicando il diritto di pedalare in città. Con lo slogan "Ci siamo anche noi" i ciclisti hanno cercato di rallentare il traffico e per una volta sono riusciti ad ottenere rispetto dagli automoblisti. Le reazioni di chi si trovava alla guida in un soleggiato sabato pomeriggio lungo le strade cittadine sono state le più differenti possibili. 

"Molti erano divertiti - raccontano i partecipanti -, qualcuno invece si è spazientito". L'obiettivo della giornata era quello di sensibilizzare cittadini e istituzioni sulla mobilità a due ruote in città. "Speriamo che questo evento smuova le poltrone dei politici forse ancora troppo disattenti al cambiamento che sta avvenendo e che esige una modifica all'assetto del traffico cittadino, rendendo le strade piu sicure anche per i ciclisti e pedono".

Dopo questa prima esperienza non mancheranno altri critical mass, in cui "ci aspettiamo ancor più partecipazione da parte di tutti coloro che usano, o vorrebbero farlo, la bici come mezzo di spostamento a Vasto e dintorni". 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi