"Storie di mare e di rotte", visite al Faro di Punta Penna - Raggiunto il limite delle iscrizioni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Eventi 05/05/2014

"Storie di mare e di rotte",
visite al Faro di Punta Penna

Raggiunto il limite delle iscrizioni

La locandina della visita

Torna l'atteso appuntamento con le visite al Faro di Punta Penna organizzate dalle associazioni WWF Zona Frentana e Costa Teatina, gli Amici di Punta Aderci e la Riserva. Sono tante le richieste che ogni anno arrivano ai responsabili delle associazioni per poter entrare in uno dei luoghi più affascinanti del territorio.

Così sono stati programmati due appuntamenti, per dare possibilità a tanti di entrare nella maestosa struttura e salire i 300 gradini che conducono alla lanterna. Le due visite saranno il 17 e il 31 maggio, grazie alla disponibilità della reggenza locale, con Biagio Santoro e Andrea Guida, in accordo con il Comando Marifari Taranto. 

Sarà possibile accogliere 50 prenotazioni per ognuna delle due visite, che inizieranno alle 8.30 del mattino davanti alla Chiesa di Pennaluce.

La comunicazione degli organizzatori (6/05/2014)

"Abbiamo ricevuto tantissime telefonate e in poche ore il numero massimo di visitatori ammessi alla visita al Faro di Punta Penna, 100 persone in totale, è stato raggiunto. Ci scusiamo con quanti hanno provato a comporre il numero, ma non hanno ricevuto risposta. I motivi sono esclusivamente dovuti ad un sovraccarico di telefonate.

Ci preme avvisare i tanti interessati che, purtroppo, non possiamo accettare altre prenotazioni. Informiamo che appena possibile organizzeremo, previo accordo con il personale del faro, nuove visite". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi