Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 febbraio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 28/04/2014

Vetro sfondato e sigarette rubate:
nuovo furto al bar della stazione

Portate via stecche di sigarette per un valore di 4mila euro

Il vetro sfondato"Siamo arrabbiati. Questa città non è più sicura, è tutto fuori controllo". Sono le dure parole di Giacomo La Verghetta a commentare il furto avvenuto questa notte al bar Trenogrill, presso la stazione ferroviaria Vasto-San Salvo, gestito dalla sua famiglia. Parole di rabbia per l'ennesimo episodio criminoso che li tocca da vicino. I ladri sono entrati in azione nel cuore della notte, hanno preso un grosso blocco di marmo e hanno sfondato il vetro della grande finestra dal lato del piazzale della stazione. Una volta dentro hanno agito con rapidità, puntando subito alle stecche di sigarette, hanno preso anche la cassa e poi sono scappati via. Questa mattina sono stati i carabinieri, qualche minuto prima delle cinque, ad avvisare la sorella, Stefania, di quanto era accaduto. I militari dell'arma hanno compiuto un sopralluogo alla ricerca di eventuali indizi per risalire ai malviventi.

Le modalità sono le stesse del settembre 2011, quando i ladri erano entrati nel bar passando, però, dalla finestra che si affaccia sui binari. Dopo quel furto i titolari avevano fatto installare delle sbarre metalliche per proteggere il locale. Non potevano certo pensare di essere colpiti nuovamente dalla parte più visibile alle persone. Tra i due furti c'è un dato comune che è più di una coincidenza. In entrambi i casi il giorno prima del furto era avvenuto il ricarico degli scaffali delle sigarette. "Sono andata sabato a prenderle - spiega Stefania -. Chi è venuto a rubare lo sapeva e sapeva anche come muoversi all'interno del bar. A nulla è servito avere allarme, vigilanza privata. Qui fanno quello che vogliono". 

Il bottino ammonta a circa 4mila euro in stecche di sigarette. E poi ci sono i danni subiti, il registratore di cassa (in cui c'erano meno di 100 euro di monete) da ricomprare, e le vetrate da sostituire. Oltre alla pesante sensazione di non sentirsi sicuri. "Mi viene voglia solo di chiudere", dice con amarezza Stefania. Si riaccende ancora una volta la spia sulla situazione della stazione ferroviaria, che diventa giorno dopo giorno un lugoo fantasma, senza controllo. "Non c'è neanche una telecamera sul piazzale - spiegano i titolari del bar -. E quelle sui binari non sembrano servire a molto". E poi c'è il dito puntato sulla questione sicurezza in città. "Vasto va sempre peggio - commenta duramente Giacomo -. C'è una scarsa capacità amministrativa, non si proteggono i cittadini, non si tutela chi lavora e fa sacrifici".

Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       

      Chiudi
      Chiudi