Vasto   Cultura 18/04/2014

I Sepolcri nelle Chiese vastesi
tra devozione e tradizione

Ieri sera tante persone hanno compiuto la visita

Chiesa di San FrancescoEntra nel vivo la Settimana Santa e la comunità cristiana si appresta a vivere tre giorni intensi, con appuntamenti che uniscono fede e tradizioni popolari. Ieri sera in tutte le Chiese è stata celebrata la Messa in Coena Domini, in cui si ricordano l'istituzione dell'eucarestia e del sacerdozio, con i sacerdoti che hanno anche compiuto il gesto della lavanda dei piedi. Poi, la pisside con le ostie consacrate, è stata riposta negli altari allestiti in un angolo delle Chiese, per essere conservate fino alla celebrazione di oggi pomeriggio. 

Nella tradizione vastese questi altari vengono chiamati "I Sepolcri" e c'è l'usanza di compiere il giro delle Chiese per visitarli e raccogliersi in preghiera. Se ne devono visitare almeno 3, o comunque in numero dispari. Ogni comunità parrocchiale anche quest'anno ha allestito gli altari avendo come tema i passi delle Sacre Scritture o i temi di attualità affrontati oggi dalla Chiesa cattolica.

La serata fredda e con qualche goccia di pioggia ha spinto i meno temerari a restare a casa, anche se erano in tanti i gruppi di giovani e, girando tra i vicoli, si notavano diverse persone non vastesi che facevano il giro per la prima volta, apprezzando soprattutto le chiese meno conosciute del centro storico. Per tutta la giornata odierna sarà possibile visitare i Sepolcri. Poi, dopo la celebrazione con l'adorazione della Croce, alle 19 l'appuntamento cittadino con la processione del Cristo Morto, a cui parteciperanno tutte le confraternite vastesi. Il corteo prenderà il via dalla chiesa di Sant'Antonio, per concludersi davanti alla cattedrale di San Giuseppe.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi