Acquedotto romano di San Salvo, al via le ispezioni dei tecnici - Questa mattina riaperto un pozzetto in piazza Papa Giovanni XXIII
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 25/03/2014

Acquedotto romano di San Salvo,
al via le ispezioni dei tecnici

Questa mattina riaperto un pozzetto in piazza Papa Giovanni XXIII

Marco Rapino al lavoro in piazza Papa Giovanni XXIIIAl via in piazza Papa Giovanni XXIII a San Salvo i lavori di ispezione dell'acquedotto romano ipogeo da parte della cooperativa Parsifal secondo lo studio redatto da Davide Aquilano e Franco Masciulli. Questa mattina sono stati i tecnici Marco Rapino e Fabio Sasso, dopo aver riaperto il pozzo nella piazza centrale della città, a calarsi all'interno per ripulire il condotto dai detriti. L'esistenza di questo pozzo era stata già scoperta nel 1987.

L'intervento, voluto dall'Assessorato alla Cultura, riguarda l'esplorazione del tratto, già in precedenza raggiunto, compreso tra i pozzi P2 e P3 (nello spazio di piazza San Vitale) e la riapertura del pozzo P3 (non lontano dal mosaico romano). L'importo complessivo dell'intervento è di 5mila euro, somma in gran parte proveniente dalle donazioni della prof.ssa Marisa Fabrizio, delle ditte Farmacia Di Croce, Puntoluce di Annalucia Artese, Marcello Costruzioni e della Fondazione per l'Arte e l'Archeologia del Vastese.

Da una prima ricognizione è stato scoperto che la galleria si ricollega alla vicina Piazza San Vitale per un’opera di alta ingegneria idraulica. Al termine di questo intervento di perlustrazione sul foro verrà collocato un pozzetto per consentire future ispezioni.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi