Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 24/03/2014

Ragazzi del Mattei tra i centomila
con Libera contro le mafie

Sabato scorso la manifestazione a Latina

Insieme a Nando Dalla ChiesaC'erano anche gli studenti dell'IIS Mattei di Vasto tra i centomila che sono arrivati sabato scorso a Latina per partecipare alla 19ª Giornata della memoria e dell'impegno in memoria delle vittime delle mafie, organizzata da Libera.  "Siamo venuti qui per affetto, stima e riconoscenza per questo territorio, qui ci sono belle persone e belle risorse - ha detto Don Luigi Ciotti, fondatore e anima del movimento- . Siamo venuti per cercare verità per don Cesare Boschin e tanti altri e per non dimenticare che le organizzazioni mafiose attraversano tutto il territorio e anche l’Agro Pontino". La giornata è stata preceduta dalla veglia con i familiari delle vittime di mafia, a cui ha partecipato anche Papa Francesco. Al Pontefice don Ciotti ha donato la stola di Don Giuseppe Diana, sacerdote ucciso dalla camorra proprio venti anni fa.

La rappresentanza dei ragazzi vastesi era formata dagli studenti di I A chimica, III A informatica IV A informatica , V A informatica e V A LST. A curare la partecipazione è stata la professoressa Rosa Lucia Tiberio"Per me è stata una giornata meravigliosa - commenta la docente - e voglio ringraziare innanzitutto il dirigente scolastico Rocco Ciafarone, la DSGA Franca Di Fermo, i colleghi dei consigli di classe che hanno firmato per rendere possibile questa attività, i colleghi: Orsolina Colonna, Maria Aurelia ed Ernano  Marcovecchio splendidi compagni di viaggio. Ma sopratutto voglio dire grazie alle studentesse e agli studenti del Mattei, che hanno con il loro comportamento onorato questa giornata in modo eccezionale".

Per gli studenti vastesi c'è stata anche l'emozione dell'incontro con Nando Dalla Chiesa, figlio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo dalla mafia, che ha presentato il suo libro "Manifesto dell'antimafia". Per i ragazzi una giornata da ricordare, ricca di emozioni e di spunti di riflessione, da trasmettere ai loro compagni che non sono potuti essere con loro.

Foto di Michael Leone e Giovanni Smargiassi

Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi