Una passeggiata sulla ex ferrovia a Mottagrossa con Italia Nostra - Dagli attivisti opinioni contrarie alla realizzazione della pista ciclabile
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 05/03/2014

Una passeggiata sulla ex ferrovia
a Mottagrossa con Italia Nostra

Dagli attivisti opinioni contrarie alla realizzazione della pista ciclabile

La passeggiata sull'ex tracciatoDomenica scorsa un gruppo di cittadini vastesi ha aderito alla proposta della sezione vastese di Italia Nostra per una passeggiata sull'ex tracciato ferroviario, da Casalbordino a Mottagrossa, nel cuore della Riserva di Punta Aderci. L'iniziativa è avvenuta in occasione della 7ª giornata delle ferrovie dimenticate anche se in realtà in questo caso si tratta di ferrovia dismessa. A guidare il gruppo il responsabile della sezione vastese Davide Aquilano, che ha espresso la contrarietà del movimento alla realizzazione della pista ciclabile, presentata sabato scorso a palazzo d'Avalos. Durante il percorso sono stati gli ambientalisti Stefano Taglioli e Vincenzo Ronzitti ed il geologo Luigi Di Totto ad illustrare caratteristiche e criticità di quello che viene considerato come il tratto più selvaggio della costa adriatica. Su molti di questi aspetti, come evidenziato nel video, si basa la contrarietà espressa da Italia Nostra, attraverso la voce di Aquilano e di altre realtà associative. "Una proposta alternativa - spiega Aquilano - è quella di far passare il corridio della pista ciclabile più a monte, nel tratto che si ricollegherebbe alla strada che transita davanti al carcere. In quel modo si eviterebbe il passaggio impattante attraverso la Riserva". 

Guarda il video Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi