Fermata auto sospetta: a bordo c’era un latitante 27enne - Operazione di controllo dei carabinieri di scerni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Scerni   Cronaca 20/02/2014

Fermata auto sospetta: a bordo
c’era un latitante 27enne

Operazione di controllo dei carabinieri di scerni

foto repertorioLi hanno fermati per un controllo e hanno scoperto che nell'auto viaggiava un latitante. Ieri i carabinieri della stazione di Scerni, impegnati in un servizio di controllo del territorio per il contrasto al crescente numero di furti nelle abitazioni, hanno fermato una Renault Clio che si aggirava con fare sospetto in una contrada colpita nei mesi scorsi da molti furti di cavi elettrici e materiale in rame. 

A bordo c'erano 4 uomini, di etnia rom ed età compresa tre i 22 e 41 anni, tutti con precedenti penali. Alla vista dei militari hanno tentato di cambiare strada ma i carabinieri li hanno fermati e fatti scendere per un controllo.  

"Dagli accertamenti effettuati presso la banca dati in uso alle Forze di Polizia - spiega una nota del comando provinciale di Chieti - è risultato che uno di loro, un 27enne, era gravato da un provvedimento di cattura in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, a Novembre del 2013, dal G.I.P del Tribunale di Castrovillari (Cosenza) per i reati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. L’uomo è stato, pertanto, tratto in arresto e associato alla casa circondariale di Vasto. Nei confronti degli altri tre rom, invece, i carabinieri di Scerni hanno richiesto la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio".   

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi