Del Vecchio rischia l’ergastolo, la difesa si gioca tutte le carte - Il delitto di via Anghella
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 12/02/2014

Del Vecchio rischia l’ergastolo,
la difesa si gioca tutte le carte

Il delitto di via Anghella

Vasto. Del Vecchio condotto ieri a palazzo di giustiziaPer la pubblica accusa, Marco Del Vecchio deve essere condannato all'ergastolo con tre anni di isolamento diurno. E' quello che ha chiesto ieri, al termine della sua requisitoria, il pubblico ministero Enrica Medori. Il 39enne è accusato di aver ucciso a con 111 coltellate i suoi genitori: 72 fendenti sul corpo della madre, Adele Tumini, e 39 contro il padre, Emidio Del Vecchio. La Procura ha chiesto il massimo della pena per omicidio volontario con le aggravanti della crudeltà mentale e della minorata difesa, quest'ultima in considerazione del fatto che l'atto è stato compiuto ai danni di due anziani e il padre dell'uomo era disabile.

La discussione - Quella di ieri è stata un'udienza lunga sette ore. A porte chiuse, come sempre nei processi con rito abbreviato, nell'aula gup del piano terra del palazzo di giustizia di via Bachelet, si è svolta la decisiva discussione che precede la sentenza.

Il giudice, Anna Rosa Capuozzo, ha chiamato a testimoniare diverse persone: la sorella dell'imputato, Nicoletta Del Vecchio, suo marito e i carabinieri che hanno arrestato il 39enne. Poi la requisitoria del pm, l'arringa dell'avvocato di parte civile, Gianni Menna, per complessive due ore, quindi una pausa di una quindicina di minuti e l'arriga difensiva di 40 minuti dell'avvocato Raffaele Giacomucci.

Il legale dell'imputato ha sostenuto l'esistenza di incongruenze negli orari riferiti dai testimoni e messo in dubbio la presenza in casa di Marco Del Vecchio al momento del brutale delitto. Infine si è appellato al principio contenuto in una sentenza della Corte di cassazione, secondo cui anche un grave disturbo della personalità potrebbe diminuire la capacità d'intendere e di volere, purché esista un nesso eziologico, ossia la minorata capacità mentale abbia determinato il delitto. Sull'incapacità parziale punta la difesa per ottenere, in caso di condanna, uno sconto di pena.

Il giudice ha rinviato la sentenza al 25 febbraio.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi