Vasto   Cronaca 08/02/2014

Camorra, iniziano interrogatori:
molti arrestati non parleranno

Operazione "adriatico"

Vasto. L'elicottero utilizzato nell'operazione AdriaticoE' il giorno degli interrogatori degli indagati detenuti a Vasto. Il gip, Anna Rosa Capuozzo, pochi minuti prima delle 11 varcherà il cancello del carcere di Torre Sinello, dove ascolterà gli arrestati dell'operazione Adriatico, la prima inchiesta in cui in Abruzzo viene applicata la norma contenuta nell'articolo 416 bis del codice penale: associazione a delinquere di stampo mafioso.

Molti degli indagati si avvarranno della facoltà di non rispondere. Alcuni hanno già parlato con i loro avvocati, altri lo faranno prima degli interrogatori.

Ieri - La magistratura accelera i tempi. A due giorni dal blitz che porta il nome di operazione Adriatico, l'inchiesta sulle infiltrazioni camorristiche in Abruzzo, gli indagati detenuti a Vasto saranno chiamati a rispondere alle domande del gip del Tribunale di Vasto, Anna Rosa Capuozzo, che li interrogherà per rogatoria.

Gli arrestati nell'operazione Adriatico.

Sono, in tutto, 84 gli indagati nell'inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia dell'Aquila, con cui gli inquirenti ritengono di aver scoperchiato il Vaso di Pandora della camorra che aveva base nel Vastese, dove giovedì alle 2 del mattino, è stata eseguita la maggior parte dei provvedimenti restrittivi, al termine di un'indagine avviata nell'aprile 2012 dai carabinieri della Compagnia di Vasto.

L'operazione Adriatico ruota attorno alle rivelazioni di Lorenzo Cozzolino, il pentito di camorra trasferitosi a Gissi da quasi vent'anni. Dopo l'operazione Tramonto, scattata nel gennaio 2012, ha iniziato a collaborare con la giustizia. E Adriatico è il nuovo filone di un'inchiesta in cui, per la prima volta in Abruzzo, viene applicata la fattispecie di reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Diciotto persone in carcere, 11 ai domiciliari, 2 sottoposte a obbligo di dimora. Oltre 100 carabinieri impegnati a eseguire in Abruzzo, Campania e Puglia gli ordini di custodia cautelare emessi, tramite un'ordinanza di 500 pagine, dal gip dell'Aquila, Francesco Romano Gargarella. L'accusa è anche di traffico di droga, che veniva smerciata, secondo gli investigatori, in un'ampia fascia costiera compresa tra Francavilla al Mare e l'area di Vasto-San Salvo. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi