Vasto   Cronaca 07/02/2014

Dai racconti del pentito
l’inchiesta sulla camorra

Operazione "adriatico"

Vasto, 6 febbraio 2014. Scatta l'operazione AdriaticoE' il secondo filone, più ampio, di un'inchiesta nata nel 2011: quell'operazione Tramonto che coinvolse 89 persone e per la quale è in corso l'ultimo processo di primo grado presso il Tribunale di Vasto.

L'operazione Adriatico
Gli arrestati 

Ha origine da lì l'operazione Adriatico, scattata nelle prime ore di ieri in Abruzzo, Molise, Puglia e Campania: 84 indagati, 29 arrestati e 2 persone soggette a obbligo di dimora per un giro di droga che veniva smerciata sulla costa abruzzese, da Francavilla al Mare a Vasto e San Salvo. Ma, per la prima volta da queste parti, gli inquirenti ipotizzano un'associazione a delinquere di stampo mafioso, che ha operato con l'utilizzo della violenza.

Nasce dalle dichiarazioni rese ai magistrati dal pentito Lorenzo Cozzolino l'operazione Adriatico. Entro cinque giorni gli interrogatori delle 31 persone nei confronti delle quali sono stati emessi provvedimenti restrittivi.

"In questi anni, quando noi denunciavamo, nessuno ci ascoltava", afferma Riccardo Alinovi, portavoce locale dell'associazione Codici, che chiede di "dotare tempestivamente le zone calde di Vasto di polizia h24 e utilizzare anche il Corpo dei vigili urbani per la prevenzione e la sicurezza".

Codici chiede al sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, di istituire il turno notturno della polizia municipale e di "mettere mano in maniera seria alla politica della sicurezza cittadina, se non vogliamo che la nostra città raggiunga un punto di non ritorno. Nei prossimi giorni - conclude Alinovi - chiamerò telefonicamente il segretario nazionale di Codici, Ivano Giacomelli, chiedendogli di voler conferire con il ministro dell’Interno per parlare dell’emergenza sicurezza che sta vivendo Vasto ormai da troppo tempo".

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi