Carlesi, toccante messaggio di commiato letto dal figlio - L’ultimo saluto allo storico esponente della destra abruzzese
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 04/02/2014

Carlesi, toccante messaggio
di commiato letto dal figlio

L’ultimo saluto allo storico esponente della destra abruzzese

Vasto. L'uscita del feretro dalla cattedrale di San GiuseppeE' una sorta di lettera di commiato. Un toccante bilancio della vita di Nicola Carlesi: un messaggio letto per 11 minuti al termine delle esequie funebri da Francesco, il primogenito dello storico esponente della destra vastese. Con quel testo pieno di passione e nostalgia, i familiari hanno voluto immaginare come l'ex parlamentare avrebbe salutato per l'ultima volta i vastesi e ai tanti presenti che hanno affollato la cattedrale di San Giuseppe. C'erano vastesi tornati da lontano e persone venute da fuori regione. C'erano anche due suoi colleghi parlamentari, Maurizio Gasparri e Ignazio La Russa

Esequie in cui a non sono mancati i riferimenti alla carriera politica del primario dell'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto.

Come Carlesi aveva chiesto nelle sue ultime volontà lasciate per iscritto ai congiunti, la sua militanza nella destra è stata un elemento evidente nei manifesti affissi all'ingresso della camera ardente allestita in municipio, nell'aula del Consiglio comunale di cui è stato membro per diversi anni, nei volantini poggiati su un tavolo all'esterno della chiesa, nelle canzoni filodiffuse all'uscita del feretro per l'ultimo viaggio, iniziato col saluto romano di una ventina di militanti.

"Nicola - ha detto il parroco, don Gianfranco Travaglini - vive nelle idee, nelle parole e nel ricordo. In questa chiesa Nicola nei mesi scorsi aveva gioito per il battesimo dei suoi nipoti". Poi cita una frase di Sant'Agostino: "Signore, non ti chiedo perché me l'hai tolto. Ti ringrazio perché ce l'hai donato".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi