Omicidio, la difesa: "Imputato ha un disturbo della personalità" - Il delitto di via Anghella
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 31/01/2014

Omicidio, la difesa: "Imputato ha
un disturbo della personalità"

Il delitto di via Anghella

I luoghi del duplice omicidio del 17 novembre 2012"Anche il disturbo della personalità rientra tra le malattie mentali. A dirlo è una sentenza della Corte di cassazione", afferma Raffaele Giacomucci, avvocato di Marco Del Vecchio, il 38enne accusato di aver ucciso i genitori, Emidio Del Vecchio e Adele Tumini, con 111 coltellate il 17 novembre 2012.

Si avvia verso la fase decisiva il procedimento penale a carico dell'imputato. L'11 febbraio il processo con rito abbreviato dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Vasto, Anna Rosa Capuozzo.

La pubblica accusa, rappresentata dal pm Enrica Medori, ha incassato nella scorsa udienza un punto a favore. Il consultente tecnico d'ufficio, il professor Felice Carabellese dell'Università di Bari, il perito super partes nominato dal gip, ha confermato in aula i risultati già scritti nella relazione di 70 pagine: Marco Del Vecchio è capace d'intendere e di volere e lo era anche al momento in cui è avvenuto il delitto.

"Secondo il perito, è affetto da un disturbo della personalità che, però, non costituisce una malattia in grado di determinare la seminfermità mentale. Noi - sostiene Giacomucci - riteniamo, invece, che anche il disturbo della personalità rientri tra le malattie mentali. A dirlo è una sentenza della Corte di cassazione. E' quello che sosterremo in giudizio". L'eventuale riconoscimento della seminfermità mentale consentirebbe, in caso di condanna, di ottenere uno sconto di pena.

Di diverso avviso la parte lesa, gli altri due figli dei coniugi assassinati, rappresentati dall'avvocato Gianni Menna: "Siamo soddisfatti del lavoro svolto dalla magistratura sia nelle fasi delle indagini che in quelle processuali", commenta il legale. "Siamo sereni e pronti a dare il nostro apporto nel corso del giudizio".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi