Visita e panoramica gratuita! CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 16/01/2014

La Asl taglia le associazioni
di trasporto malati, guerra legale

La protezione civile valtrigno ricorre al tar

Pierpaolo AndreoniUn ricorso al Tar contro i tagli della Asl, che mettono a rischio il futuro dei 30 dipendenti della Valtrigno. Lo ha presentato il gruppo sansalvese di Protezione civile, depennato dalla lista delle collaborazioni della Asl provinciale, che il 30 dicembre scorso ha chiuso bruscamente i rapporti con una serie di associazioni di volontariato, fatta eccezione per la Croce rossa.

Per opporsi a questa decisione, gli attivisti della Valtrigno hanno deciso di adire alle vie legali. Un ricorso al Tar verrà, infatti, presentato a breve dall'avvocato Pierpaolo Andreoni: "Ai giudici amministrativi - afferma il legale vastese - chiederemo l'annullamento della delibera Asl, che presenta diversi profili di illegittimità". E snocciola i dati relativi al gruppo di Protezione civile che ha sede a San Salvo ed è coordinato da Saverio Di Fiore: 30 dipendenti, 400 iscritti, servizi per 18 Comuni del Vastese, donazione di pacchi di viveri a circa 150 famiglie povere.

Alla Asl la Valtrigno forniva fino a due settimane fa un supporto nel trasporto dei pazienti da curare presso l'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto, cui l'associazione ha donato una culla neonatale e si è dotata di un'ambulanza per il trasporto neonatale, un mezzo di cui l'azienda sanitaria era sprovvista.

I tagli disposti dalla direzione generale privano la Protezione civile Valtrigno, ma anche le altre associazioni di volontariato escluse (ed esempio, le Misericordie e le Croci verde, gialla e azzurra) di una fondamentale fonte di finanziamento. 

Di qui le incertezze sul futuro e il ricorso al Tribunale amministrativo regionale.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi