Corvino e Caruso: "Chiusura del Tribunale grave per la città" - L’intervento dei presidenti dei consorzi vasto in centro e vivere vasto marina
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 14/01/2014

Corvino e Caruso: "Chiusura del
Tribunale grave per la città"

L’intervento dei presidenti dei consorzi vasto in centro e vivere vasto marina

Caruso e CorvinoDomani si terrà l'assemblea pubblica promossa dall'Ordine degli avvocati per ribadire il deciso "no" alla chiusura del Tribunale di Vasto. Alla battaglia portata avanti su più fronti arriva anche il sostegno di due consorzi di commercianti ed esercenti della città. Marco Corvino, presidente di Vasto in Centro, ed Antonio Caruso, presidente di Vivere Vasto Marina, hanno voluto esprimere la "solidarietà dei  commercianti e dei pubblici esercizi di Vasto a tutti coloro che in qualche modo e misura sono danneggiati e lesi dalla minacciata chiusura del Tribunale di Vasto".

Per i presidenti delle due associazioni "la perdita di una istituzione così importante non grava solamente sui diretti interessati, ma anche sull’intero tessuto cittadino che si troverà ad essere privato di un ente che coinvolge nella sua attività tutta la popolazione.  Da una parte molti cittadini subiranno un danno economico diretto in misura più o meno consistente e dall’altra proseguirà il declino di una città a cui le amministrazioni non riescono a porre rimedio".

Anche loro, che rappresentano una grossa fetta dei commercianti ed esercenti vastesi, si uniscono quindi alla "voce di protesta contro una futura decisione che sancirà sempre di più il livello marginale di Vasto nella provincia di Chieti e nella regione abruzzese".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi