Confesercenti: "Cambiare Vasto Marina con parco e qualità" - Il caso
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 06/01/2014

Confesercenti: "Cambiare
Vasto Marina con parco e qualità"

Il caso

Vasto Marina"Bisogna cambiare la conformazione di Vasto Marina. Destagionalizzare e qualificare, senza pensare che il meglio è solo a Vasto alta". Confesercenti lancia la sfida rivolta all'amministrazione comunale, ai commercianti e agli imprenditori. Terminato l'anno peggiore della crisi pronfonda e con un 2014 pieno di incognite, l'associazione dei commercianti propone la sua ricetta per il rilancio del turismo vastese.

Natura - "Non bisogna più lavorare solo sul turismo balneare", afferma Simone Lembo, direttore di Confesercenti Vasto e coordinatore provinciale di Fiba-Confesercenti, sindacato dei balneatori. "Ormai credo si debba ragionare in questi termini: il commercio è parte integrante del turismo, non si può pensare a due settori separati. A Vasto serve il Parco nazionale delle Costa teatina". Realizzarlo, dopo nove anni di chiacchiere, significa "non lavorare solo sul turismo balneare, ma destagionalizzare e qualificare, senza pensare che il meglio dell'offerta commerciale debba essere limitato alla sola città alta".

Qualità - "Per troppo tempo - sostiene Lembo - si è commesso l'errore di pensare che la qualità dovesse essere circoscritta al centro storico. L'obiettivo deve essere: alzare gli standard di Vasto Marina. Per raggiungere questo scopo, anche il pubblico, insieme ai privati, deve fare la sua parte". Inoltre, "sono pochi i luoghi in cui si fanno eventi. I pubblici esercizi possono fare intrattenimento, che va distinto dal pubblico spettacolo. Su quest'ultimo aspetto bisogna lavorare".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi