Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Monteodorisio   Cultura 18/12/2013

Presentazione del libro Viteliú
con visita guidata al museo

Giovedì 19 dicembre, alle ore 17.30

La locandinaGiovedì 19 dicembre, alle ore 17,30, Amalia Faustoferri, archeologa della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo e l’archeologo Davide Aquilano presenteranno il romanzo Viteliú assieme con l’autore Nicola Mastronardi nella Sala Conferenze del Museo Archeologico del Vastese (MAV), presso il Castello di Monteodorisio (CH).

Per l’occasione è prevista anche una visita guidata alla collezione di iscrizioni frentane del Museo, che vanta, tra gli altri reperti, la Chiave di Herentas da Tufillo e l’Alfabetario da Casalbordino.

Il MAV raccoglie ed espone al pubblico le testimonianze archeologiche più rappresentative tra quelle rinvenute nel Vastese. La valenza territoriale di questo museo ha spinto Italia Nostra a sceglierlo come luogo d’elezione per la presentazione del romanzo storico scritto da Nicola Mastronardi, che ha come protagonisti sia i Sanniti che i Frentani, valere a dire le due componenti etniche antiche dell’odierno Vastese.

 “ITALIA” nella lingua dei Sanniti e dei Frentani era scritta VITELIÚ e si leggeva all’incirca UITELIO, che significa “Terra dei Vitelli”. Viteliú è stato scelto da Nicola Mastronardi come titolo del romanzo storico che ha scritto per riscattare i Safini/Sanniti dall’oblio in cui li hanno relegati i vincitori romani dopo la Guerra Sociale (91-88 a.C.). Mastronardi è andato anche oltre: ha creato la prima epopea dei Safini/Sanniti, dando finalmente voce ai vinti, ai loro luoghi, alla loro cultura, alla loro lingua, al loro orgoglio ed alla loro tenace resistenza contro la soverchiante potenza romana.

La lettura del romanzo, inoltre, riprende e dà nuova linfa vitale a diverse questioni storiografiche, prima tra tutte quella sulle reali conseguenze della Guerra Sociale sui territori italici. I Romani, infatti, falcidiarono in maniera programmatica la classe dirigente italica che aveva guidato la rivolta antiromana, saccheggiarono e misero a ferro e fuoco le terre di quei popoli non risparmiando chiunque avesse osato opporsi. Ad un’attenta analisi delle fonti documentarie si percepisce la crisi che colpì i territori italici dopo il devastante evento bellico, ma non la si coglie in tutta la sua portata e la sua profondità, come avviene invece con una lettura dei dati provenienti dai luoghi indagati archeologicamente come Pietrabbondante presso i Sanniti e Punta Penna, sede della Histonium dei Frentani. In quest’ultimo caso, la popolazione fu allontanata in maniera coatta dall’insediamento, se non massacrata, agli inizi del I secolo a.C., mentre parallelamente i Romani costruivano il primo nucleo abitato della “loro” Histonium, che coincide all’incirca con la città storica dell’odierna Vasto. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi