Del Vecchio, servono i test per capire se è capace d’intendere - La perizia bis
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 20/11/2013

Del Vecchio, servono i test
per capire se è capace d’intendere

La perizia bis

Vasto. Il carcere di Torre SinelloTest scritti per stabilire se Marco Del Vecchio è capace d'intendere e di volere attualmente e se lo era il 17 novembre 2012, al momento dell'omicidio di cui è accusato: l'assassinio dei suoi genitori Emidio Del Vecchio e Adele Tumini, barbaramente uccisi con 111 coltellate nella casa di via Anghella.

Il 16 novembre si è svolta nel carcere di Torre Sinello la seconda seduta prevista nell'ambito della nuova perizia disposta dal giudice per le indagini preliminari, Anna Rosa Capuozzo.

Anche stavolta, come l'11 novembre scorso, l'indiziato avrebbe risposto in maniera stizzita al perito nominato dal gip. Dunque il professor Felice Carabellese ha ritenuto necessario un altro incontro con l'indagato, alla presenza degli avvocati e degli psichiatri nominati da accusa, parte lesa e difesa: una terza seduta in cui il docente dell'Università di Bari somministrerà al 38enne dei test scritti.

Carabellese stilerà poi una relazione che consegnerà al magistrato. Il gip si esprimerà nell'udienza del 17 dicembre. Se dovessere essere riconosciuto incapace, come sostiene la difesa, Del Vecchio non potrebbe essere processato. Un'incapacità parziale comporterebbe uno sconto di pena in caso di condanna. La pubblica accusa, rappresentata dal pm Enrica Medori, sostiene invece la piena capacità e, quindi, l'imputabilità dell'indiziato.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi