Vende su internet auto che non ha, trentenne denunciata per truffa - Raggiri
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 16/11/2013

Vende su internet auto che non ha,
trentenne denunciata per truffa

Raggiri

Mette in vendita un'auto su interner a prezzo molto conveniente. Per prenotare l'acquisto basta versare un piccolo acconto di 50 euro. Ma la sedicente proprietaria non ha nessuna auto da vendere. Intasca i soldi da decine di persone. Alcuni cittadini vastesi si rivolgono alla polizia, che denuncia B.A., 30 anni, residente a Treviso, per truffa aggravata.

La ricostruzione dei fatti - Così il vice questore Cesare Ciammaichella, dirigente del Commissariato di Vasto, ricostruisce l'accaduto: "Dopo varie segnalazioni giunte presso il Commissariato di Vasto, si sono attivate le particolari indagini che richiedono proprio i reati informatici.
Nel corso delle stesse gli agenti hanno scoperto e denunciato una cittadina straniera, residente in provincia di Treviso.
La donna aveva attivato un account sul noto sito internet Subito.it, da dove attirava gli ignari clienti, mettendo in atto la ormai collaudata tecnica della truffa telematica che, in questo caso, proponeva la vendita di un’autovettura, con tanto di foto ad un prezzo assolutamente allettante, per chi, navigando sul web, era alla ricerca di una conveniente compravendita di un mezzo di locomozione.
I contatti con i potenziali compratori infatti, non tardavano ad arrivare numerosi.
Il prezzo dell’autovettura e la notorietà del sito avevano fatto in modo che la donna portasse a compimento i reati programmati.
Per incassare immediatamente più denaro possibile aveva escogitato un ingegnoso piano: richiedeva il versamento di 50 euro da parte di tutti gli utenti interessati, come acconto ritenuto necessario per bloccare l’acquisto dell’autovettura a scapito dei molti compratori.
Aveva giocato sul fatto che molti clienti, una volta appurato di essere stati truffati, non avrebbero denunciato il fatto, in relazione alla cifra irrisoria versata.
E sulla carta Postepay, intestata alla truffatrice, di versamenti da 50 euro ne erano confluiti tanti fino a rendere l’attività illegale molto remunerativa.
Una volta ricevuto il denaro la donna interrompeva ogni forma di contatto e naturalmente veniva meno anche l’annuncio con la proposta di vendita che veniva modificato nell’autovettura ma non nelle condizioni particolarmente favorevoli.
Gli investigatori hanno scoperto che la donna, nelle foto delle autovetture proposte, copriva accuratamente il numero di targa per impedire i controlli ACI da paerte dei compratori.
L’utenza telefonica a cui faceva riferimento per gli eventuali contatti risultava essere sempre la stessa, stessa cosa per il numero della carta postpay dove avvenivano i versamenti.
La straniera, identificata per B.A. di anni 30, è stata deferita all’autorità giudiziaria di Treviso per truffa aggravata.
Era già stata denunciata per una truffa analoga, ha a carico diversi precedenti di Polizia anche per furto, nonché il divieto di ritorno per due comuni in provincia di Rovigo.
Gli uomini del Commissariato di Vasto, hanno eseguito delle ulteriori attività di Polizia Giudiziaria necessarie per mettere in sicurezza i cittadini al riparo da eventuali ulteriori truffe che utilizzano la stessa architettura.
Le truffe, seppur limitate a poche centinaia di euro cadauna, sono da considerarsi cospicue se rapportate al numero di utenti truffati".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi