Conclusi i lavori di restauro del mosaico di piazza San Vitale - Altri interventi sono previsti per la prossima primavera
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Cultura 15/11/2013

Conclusi i lavori di restauro
del mosaico di piazza San Vitale

Altri interventi sono previsti per la prossima primavera

Il team di restauratoriConclusi i lavori di restauro conservativo del mosaico policromo di piazza San Vitale a San Salvo affidati al tecnico restauratore della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo  Maria Isabella Pierigè e a quattro studenti iscritti alla Facoltà di Beni Culturali con indirizzo archeologico dell'Università Gabriele D’Annunzio di Chieti: Simone D'Amico, Simone Pallotta, Matteo Di Palma e Ilaria Zelante.

Questa mattina conferenza stampa del sindaco Tiziana Magnacca, la quale ha ribadito l’impegno dell’Amministrazione comunale nell’istituire percorsi per la valorizzazione del patrimonio archeologico di San Salvo. Il recente concorso di idee per la riqualificazione di piazza San Vitale va proprio nella direzione di promuovere la storia e la cultura di una città le cui origini sono antiche, con reperti e notizie che devono essere ancora svelati. Da qui la proposta del sindaco di realizzare un percorso unico con i comuni del Vastese per un parco culturale che ha bisogno di essere messo a rete e che può rappresentare una risorsa anche in chiave turistica nella misura in cui sarà fruibile da parte di tutti.

Per l’assessore alla Cultura Giovanni Artese San Salvo è stato nel tempo un crocevia di traffici importanti che ne hanno dato spessore economico e culturale. Impegno dell’Amministrazione comunale che è impegnata nel valorizzare la propria storia per un patrimonio che oltre al dovere di conservare si deve far conoscere.

Amalia Faustoferri, funzionario di zona responsabile per il comprensorio di San Salvo della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo, che era accompagnata dalla collega Maria Adelaide Rossi, ha illustrato l’intervento conservativo di uno dei ritrovamenti più pregevoli di età romana di tutto il territorio abruzzese. Attività di restauro che ha permesso di avere anche una valenza formativa, per i giovani universitari tra l’altro soci dell’Archeoclub di Chieti, restituendo al suo splendore, nonostante  gli interventi devastanti operati dall’uomo nei secoli passati, di un mosaico che merita di esser conosciuto. Altri interventi sono previsti per la prossima primavera.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi