Casa rialzata sulla Loggia, dopo 13 anni la sentenza - Vie legali - Decisione definitiva sul contenzioso Puccioni-Carta
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 26/10/2013

Casa rialzata sulla Loggia,
dopo 13 anni la sentenza

Vie legali - Decisione definitiva sul contenzioso Puccioni-Carta

La Loggia AmblinghSulle case della Loggia Amblingh di Vasto non si possono effettuare sopraelevazioni che pregiudichino luce e visuale delle altrui abitazioni. Lo stabilisce la sentenza con cui il Consiglio di Stato ha posto fine a un contenzioso legale riguardante alcuni lavori di ristrutturazione edilizia autorizzati nel 2001 dal Comune di Vasto lungo la panoramica balconata orientale della città.

"Dopo ben 13 anni di continue battaglie, finalmente giunge a termine una annosa vicenda che risale ai primi anni del 2000", racconta a ZonaLocale.it l'avvocato Vittorio Emanuele Russo. "Si tratta della sopraelevazione dell'appartamento di proprietà della Puccioni spa a ridosso della casa dei coniugi
Carta-D'Attlio; una sopraelevazione eseguita a soli tre metri dal fabbricato, ostruendo completamente tutte le finestre ed il terrazzo". 

Numerosi i procedimenti legali esperiti per dirimere la controversia "dinanzi al Tribunale Civile di Vasto, al Tribunale Penale di Vasto, al Tar di Pescara, alla Corte di Appello de L'Aquila e, da ultimo, per ben due volte, davanti al Consiglio di Stato di Roma. In tutto, 15 procedimenti giudiziari che hanno visto sempre soccombente la Puccioni spa, quale proprietaria dell'immobile da sopraelevare", afferma il legale, che ha gratuitamente rappresentato nei vari giudizi i coniugi Carta-D'Attilio. "Crediamo - commenta Russo - di aver contribuito a salvare l'integrità della Loggia Amblingh".

Nella sentenza, la quarta sezione del Consiglio di Stato, presieduta da Giorgio Giaccardi, afferma che "non si è in presenza di un intervento di ristrutturazione edilizia a scopo conservativo, sicché la normativa sulle distanze da rispettare in caso di sopraelevazione risulterebbe inapplicabile. Al contrario e nonostante che nulla descriva l’intestazione del provvedimento, limitandosi a rinviare al progetto, l’esame di questo rivela poi trattarsi di una ristrutturazione con sopraelevazione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi