Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 18/10/2013

Rapina sull’A14, la difesa
chiede la scarcerazione

L’assalto al portavalori

Le auto incendiate dai rapinatori dopo l'assaltoLa difesa ha presentato istanza di revoca della detenzione in carcere chiedendo, in alternativa, gli arresti domiciliari. 

Si avvicina il processo per gli indagati della rapina messa a segno nel dicembre 2012 sul tratto vastese dell'autostrada A14. Un commando armato di fucili a pompa e kalashnikov seminò il panico sulla carreggiata sud dell'arteria adriatica, disseminando l'asfalto di chiodi a cinque punte, bloccando il traffico e assaltando il furgone portavalori della società Aquila di Ortona. Bottino: circa 600mila euro, 270mila dei quali recuperati dagli investigatori nel corso delle indagini, coordinate dai sostituti procuratori Giancarlo Ciani ed Enrica Medori.

Per quell'inquietante raid sono stati arrestati Matteo Morra, Vincenzo Costantino Vincenzo, Simone Di Gregorio Simone, Cono Surace e Antonio Patruno.

Sono accusati, a vario titolo, di concorso in tentato omicidio aggravato, rapina, detenzione e porto abusivo di armi da guerra e parti di essa, ricettazione e incendio doloso.

"Entro 20 giorni dobbiamo decidere se richiedere il processo con rito abbreviato", dice l'avvocato difensore, Giovanni Cerella. "Intanto, ho presentato istanza di revoca della misura restrittiva o, in subordine, la sua commutazione in arresti domiciliari".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi