CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 17/10/2013

Cobas, dal Vastese lavoratori
allo sciopero generale di Roma

La protesta

Domenico Ranieri (Cobas)Nove motivi per partecipare allo sciopero nazionale indetto dai Cobas. Partiranno anche dal Vastese i lavoratori iscritti al sindacato di base. In Abruzzo si ritroveranno tutti a Pescara: da lì, in pullman, raggiungeranno Roma per lo sciopero generale indetto da Confederazione Cobas, Cub e Usb.

I motivi - Queste le ragioni della protesta:

1) Per il rinnovo dei contratti, aumento dei salari , pensioni e riduzione orario di lavoro;
2) Contro le politiche di austerità in Italia e Europa e il governo italiano delle larghe intese;
3) Contro la disoccupazione di massa, la privatizzazione delle industrie strategiche
4) Contro gli accordi capestro per i lavoratori e quello sull’ accordo interconfederale del 31.05.2013;
5) Contro le spese militari, le grandi opere, la privatizzazione dello stato sociale e dei beni comuni;
6) Per difendere ed ampliare i diritti sociali;
7) Per la libertà di circolazione e di residenza dei migranti e rifugiati, il diritto di cittadinanza per chi nasce in Italia;
8) Per una legge sulla rappresentanza e che garantisca a tutti il diritto d’assemblea sui luoghi di lavoro;
9) Per l'abolizione della riforma Fornero (la cui cancellazione è stata una grande promessa elettorale).

"Ci auguriamo - auspica Domenico Ranieri, segretario della Confederazione Cobas di Chieti - grande partecipazione nelle grandi aziende del Vastese, come Pilkington e Denso, in cui siamo rappresentati. Nella nostra zona, sono tante le realtà produttive in forte difficoltà. E la situazione può solo peggiorare col Governo Letta che, attraverso il piano di austerità 2014, sta sferrando un pesante attacco allo stato sociale".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi