Operazione "Car wash": arrestati chiedono di parlare coi familiari - Operazione antidroga, presto nuovi interrogatori
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 16/10/2013

Operazione "Car wash": arrestati
chiedono di parlare coi familiari

Operazione antidroga, presto nuovi interrogatori

L'autolavaggio di via San MicheleSi profila un nuovo giro di interrogatori per i dieci arrestati nell'operazione Car wash, l'inchiesta con cui gli investigatori ritengono di aver sgominato una banda specializzata nel traffico di droga: cocaina, eroina, marijuana, hashish e metadone provenienti dall'altra sponda dell'Adriatico sbarcavano a Bari per mano di un clan albanese e ogni mese dalla Puglia giungevano a Vasto. La base logistica da cui gli stupefacenti venivano smerciati era, secondo Procura e carabinieri, un autolavaggio di via San Michele.

Gli arrestati sono tuttora in carcere: a Pescara, dove era già detenuto per altri motivi, si trova Massimiliano Cagnazzo, 42 anni, originario della provincia di Lecce, ma da anni residente in città. Sono detenuti a Chieti, invece, Alessandro Astro, 32 anni, di Napoli, proprietario di un autolavaggio di Vasto ritenuto dagli investigatori base logistica dell'organizzazione; Michele Ciccotosto, 47, di Vasto; Sergio Delle Donne, 40, di Vasto; C.G., 21, di Vasto; Andrea Florio, 35, di Vasto; Mirko Di Giacomo, 31, di Vasto; Luigi Satalino, originario di Bari, 50 anni; Giovanni Giuliano, 36 anni, originario di Napoli; D.V.E., 34enne di San Salvo.

La difesa - Gli indagati, che fino ad ora non hanno avuto nessun contatto con l'esterno, tranne che con i loro avvocati, chiedono l'autorizzazione ai colloqui in carcere con i loro familiari. "Per i due indagati la cui posizione è meno gravosa", ossia Di Giacomo e C.G., "ho presentato un'istanza di revoca della misura cautelare", dice l'avvocato Giovanni Cerella, di ritorno da L'Aquila, dove l'inchiesta è coordinata dal pm Davide Mancini della Direzione distrettuale antimafia. Sulle richieste della difesa si esprimerà il gip, Giuseppe Romano Gargarella.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi