Scatta il piano sicurezza: linea di demarcazione è il viadotto - Comitato provinciale per l’ordine pubblico, provvedimenti per Vasto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 03/10/2013

Scatta il piano sicurezza: linea
di demarcazione è il viadotto

Comitato provinciale per l’ordine pubblico, provvedimenti per Vasto

Vasto. Viadotto HistoniumLa linea di demarcazione è il viadotto Histonium. La città suddivisa in due zone. La prima si estende dal ponte che sovrasta corso Mazzini fino a Vasto Marina, passando per il centro storico. La seconda comincia dal medesimo cavalcavia e comprende tutta l'area settentrionale della città, incluse Punta Penna e le altre contrade esterne al nucleo urbano.

E' così, cominciando da una ripartizione territoriale, che a Vasto scatta ufficialmente il Piano di controllo coordinato del territorio. Ne aveva parlato il questore di Chieti, Filippo Barboso, in una conferenza stampa tenuta il 25 settembre nel Commissariato di via Bachelet insieme al vice questore Cesare Ciammaichella (clicca qui per leggere l'articolo).

Filippo BarbosoIeri si è riunito a Chieti il Comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza, presieduto dal prefetto, Fulvio Rocco De Marinis. Oltre ai vertici provinciali delle forze dell'ordine, al summit convocato per prendere provvedimenti riguardanti il cosiddetto caso Vasto ha partecipato anche il sindaco, Luciano Lapenna, che si è detto soddisfatto delle misure stabilite per tenere sotto controllo Vasto 24 ore su 24 e ha promesso la realizzazione del sistema di videosorveglianza atteso dal 2006.

I controlli - La ripartizione del territorio comunale in due aree servirà come punto di riferimento per dislocare le pattuglie: una zona verrà presidiata e controllata dalla polizia, l'altra dai carabinieri.

La centrale unica - Le telefonate al 112 e al 113 confluiranno tutte su un'unica centrale operativa, che allerterà le volanti della polizia e le gazzelle dei carabinieri di volta in volta più vicine ai luoghi da raggiungere per assicurare il pronto intervento.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi