"La balconata è diventata discarica e orinatoio" - Via Adriatica, la protesta
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 01/10/2013

"La balconata è diventata
discarica e orinatoio"

Via Adriatica, la protesta

Via Adriatica"Ridestare l'attenzione su Via Adriatica ritengo sia un dovere di ogni cittadino che abbia voglia di conservare un paesaggio di bellezza e di interesse che supera i confini cittadini e che si proietta nella dimensione futura di valorizzazione di una delle zone piu interessanti della città, che le migliaia di turisti in estate hanno apprezzato nel passeggio pomeridiano e notturno. E ridestare l'attenzione significa segnalare alla amministrazione abbastanza distratta che una parte sottostante la passeggiata e' divenuta una specie di mini discarica di rifiuti". A protestare è Ivo Menna, ex candidato sindaco e residente di via Adriatica.

"Dalle buste di plastica riempite di rifiuti alimentari, a scarpe dismesse, da bottiglie di birra a quelle di vino, a quelle erbacce altissime sì da assumere paesaggi dolorosamente abbandonati dale cure dell'uomo. Per non dire dei resti degli alberi tagliati all'inizio dell'estate e rimasti come arbusti secchi a coprire le nuove infiorescenze.

Eppure poche cose ci vogliono per rendere più attrattiva una zona ricca di storia, di memoria, di bellezza paesaggistica (archeologia, religione, storia romana, suggestione dei luoghi, una miscela ricca per il destino futuro della città), non essendo molto sviluppata la coscienza dei cittadini verso la cosa pubblica di tutti: un controllo attento incaricando vigili urbani o altri organi di vigilanza per impedire lo sversamento dei rifiuti, non consentire soste selvagge sui marciapiedi, rendere totalmente libera via Adriatica dalle auto, ricostruire un'area verde sull'orrenda pavimentazione costruita negli anni scorsi davanti al portale di San Pietro, come chiedono i residenti, obbligare i titolari dei ristoranti, che in estate fanno profitti da capogiro, a pulire le colonnine della passeggiata dalle urine dei cani, odori nauseabondi e insopportabili quando il calore estivo rimanda tali olezzi.

E poi restituire all'area archeologica il posto che merita, liberando appunto gli ingressi dalla furia distruttiva delle auto posteggiate anche sui marciapiedi abusivamente. Restituire a Piazza del Popolo lo spazio liberato dalle pochissime auto dei residenti che bene accoglierebbero la liberazione di quest'area. Piazza del Popolo è divenuta un grande abusivo parcheggio serale: le auto determinano danni enormi al pavimento, sconnettendolo e costringendo ad una manutenzione sempre più carente e a spese di tutti, per non citare i danni ai pedoni che inciampano tra pietre sconnesse.

Spero, per l'ennesima volta - polemizza Menna - che queste nostre proposte, ragionevoli e senza spese per il Comune, siano prese in seria considerazione da amministratori molto distratti dalla bellezza, ma molto attenti alle clientele politiche per future candidature personali". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi