Oggi a Lecco l’ultimo saluto a Giandomenico Cesana e Angelo Sala - I due volontari morti nel tragico scontro sull’a14
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 25/09/2013

Oggi a Lecco l’ultimo saluto a
Giandomenico Cesana e Angelo Sala

I due volontari morti nel tragico scontro sull’a14

Giandomenico CesanaOggi è il giorno dell'ultimo saluto ai due volontari della Cisl e della Croce Rossa scomparsi sabato scorso nel tragico incidente sul tratto vastese dell'autostrada A14. Alle 10.45, nella chiesa di Olate, si celebrerà il funerale di Angelo Sala, 58 anni, mentre nel pomeriggio, nella chiesa parrocchiale di Chiuso, alle 14.30, ci sarà quello di Giandomenico Cesana, 62 anni.

Non sarà una giornata di lutto cittadino, come si era inizialmente ipotizzato, ma il sindaco di Lecco Virginio Brivio, la sua amministrazione e tanti cittadini si stringeranno alle due famiglie colpite da questo lutto. 

Lunedì scorso, in occasione della giornata dedicata ai volontari di Protezione Civile nel giorno della memoria di San Pio, in tante città d'Italia è stata ricordata la figura di questi due volontari che, insieme agli altri 5, si stavano recando in Puglia per smontare un campo gestito dalla Cisl per i suoi lavoratori e pensionati. Nello stesso giorno il consiglio comunale di Lecco, riunito in seduta, ha voluto onorare la memoria dei due concittadini con un minuto di silenzio.  

L'incidente e le testimonianze (foto e video)

Angelo SalaIntanto hanno fatto rientro a Lecco i quattro feriti in maniera non grave in seguito all'uscita di strada del furgone e che erano stati ricoverati negli ospedali di Vasto e Lanciano. L'unica a rimanere ancora in Abruzzo e Franca Pensotti, in prognosi riservata, anche se non in pericolo di vita, presso l'ospedale Santo Spirito di Pescara. 

Proseguono anche le indagini per ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto sabato pomeriggio al km.453 direzione sud dell'autostrada Adriatica. Il Fiat Ducato è precipitato nel burrone a lato del tracciato autostradale finendo la sua corsa impazzita contro un grosso pino. Occorrerà capire come sia stato possibile che uno pneumatico nuovo (come erano i 4 del furgone noleggiato dal gruppo dei volontari Cisl) sia esploso durante la marcia.

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi