Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 10/09/2013

Piazza Brigata Maiella, "beccati"
mentre abbandonavano i rifiuti

Quattro verbali delle guardie ambientali

I rifiuti in piazza Brigata MaiellaEra diventata una situazione insostenibile. In piazza Brigata Maiella ogni notte si creava una discarica abusiva con decine di sacchetti di rifiuti abbandonati da mani ignote. E così ieri sera è scattato il blitz delle Guardie Ecologiche del Comune di Vasto. Con i calare del buio è iniziato il viavai di persone che andavano a lasciare nell'angolo la propria immondizia. 

Ma, quando stavano per andare via, gli uomini della vigilanza ambientale hanno contestato loro l'infrazione commessa. Sono stati 4 i verbali redatti e trasmessi alla Polizia Muncipale. "Poi non è venuto più nessuno - commenta Eustachio Frangione, coordinatore del nucleo -. Evidentemente chi ha ricevuto il verbale ha fatto il passaparola e così il fenomeno si è arrestato". 

Soddisfatti i residenti della zona, che ormai non ne potevano più di assistere a scene come quella documentata ieri da ZonaLocale. Come rilevato ieri sera dagli operatori molti di quelli che abbandonavano i rifiuti in quell'area erano stranieri. Nel centro storico la raccolta differenziata è attiva dal 2009 ma, in molte case della città antica, vivono persone che non hanno a disposizione i bidoni per la raccolta e sono quindi costrette a ricorrere ad espedienti per liberarsi dei rifiuti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi