CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 04/09/2013

"Precari, più che stabilizzazione
sarà un licenziamento di massa"

Fars e tomeo (prc)

Carmine Tomeo (Prc)Quello che il governo Letta chiama stabilizzazione dei precari potrebbe risolversi in un licenziamento di massa dei dipendenti precari della pubblica amministrazione. Il decreto approvato nei giorni scorsi dal governo a trazione Pd-Pdl, riguarderà quasi 200.000 lavoratori in tutta Italia. In Abruzzo, saranno interessati dal decreto taglia precari (come sarebbe più corretto chiamarlo) oltre 3.000 lavoratori.

In sostanza il decreto del governo Letta impone che nel 2014 solo il 40% del personale che va in pensione potrà essere sostituito. Percentuale che sale a solo il 50% nel 2015 ed al 100% nel 2016. Ma nei bandi che potranno essere previsti nel corso del triennio, solo il 50% dei posti di lavoro potranno essere assegnati al personale attualmente precario. Se consideriamo che il decreto si riferisce a lavoratori con 3 anni di contratto a tempo determinato negli ultimi 5 anni, con esclusione di altre forme atipiche ed ancora più precarie come esternalizzati e interinali, si capisce subito che a ad essere stabilizzata sarà una parte molto esigua degli attuali precari.

Parliamo di personale che lavora in condizioni precarie nella pubblica amministrazione da molti anni. Si tratta di lavoratori che sono stati impiegati con le medesime mansioni dei loro colleghi con contratti a tempo indeterminato, impiegati negli stessi luoghi di lavoro, sottoposti agli stessi dirigenti. Viene da immaginare che questi lavoratori precari, se sono andati bene per anni, dovrebbero essere stabilizzati; se non andavano bene, qualche responsabilità l’avranno i dirigenti. Che senso ha, allora, determinare per decreto un licenziamento di massa dei lavoratori precari, per sostituirli parzialmente attraverso un «percorso parziale di inserimento altamente selettivo», come ha dichiarato il presidente Letta?

L’unica risposta plausibile è data dalla constatazione che il governo Letta si muove in piena continuità con quello Monti. Entrambi sostenuti da Pd e Pdl; entrambi rispondenti non ai bisogni delle persone in carne ed ossa, ma alle volontà della cosiddetta Troika finanziaria. Quella, per intenderci, che costringe la Grecia ai licenziamenti di massa senza salvarla, ma aggravandone la situazione.

A pagare questa politica di massacro sociale saranno non solo i lavoratori precari della pubblica amministrazione, ma tutti i cittadini. I precari che verranno licenziati sono infatti impiegati nella maggioranza dei casi in servizi essenziali, quali la sanità e l’istruzione. In questi due settori è impiegata la metà del personale precario della pubblica amministrazione abruzzese. Che ne sarà di quei servizi, già sofferenti, spesso inefficienti e con carenza di personale, come chiunque personalmente ha sicuramente constatato recandosi in un qualunque ospedale? Il governo Letta a guida Pd-Pdl non risponde; il governo Letta risponde alla Troika.

Marco Fars - segretario regionale Prc Abruzzo

Carmine Tomeo - responsabile Lavoro Prc Abruzzo

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi