"Alla Silda 8 mesi senza stipendio l’azienda faccia meno chiacchiere" - Ex golden lady
 
Vasto   Attualità 28/08/2013

"Alla Silda 8 mesi senza stipendio
l’azienda faccia meno chiacchiere"

Ex golden lady

Da sinistra Zerra, Rucci e Schioppa"Si è lavorato senza salario per ben 8 mesi all'interno dello stabilimento Silda spa". Sindacati all'attacco dopo le dichiarazioni della famiglia Del Gatto, che ha rilevato parte della ex Golden Lady di Gissi. Ai segretari provinciali di Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uilcem-Uil, Giuseppe Rucci, Franco Zerra e Arnaldo Schioppa, non è certo piaciuta l'intervista che gli imprenditori marchigiani hanno rilasciato al quotidiano della loro regione, Il Corriere Adriatico.

La replica di Cgil, Cisl e Uil: "'La famiglia Del Gatto vuole produrre calzature cento per cento Made in Italy nel territorio di Gissi o in un qualsiasi altro ambito in cui la volontà di lavoro sia preponderante rispetto a quella, pur legittima, di passiva percezione degli ammortizzatori sociali'.
Con questo monito della famiglia Del Gatto, si apriva un articolo apparso sul Correre Adriatico del 15 agosto 2013. Intendiamo fare alcune precisazioni e sottolineare alcune omissioni.

• Per fare impresa bisogna, come minimo, essere credibili e pagare i lavoratori;

• Golden Lady per agevolare la riconversione versa alla Silda spa 10.000 euro per ognuno dei 250 lavoratori compresi nell’accordo;

• La Silda, inoltre, riassumendo i lavoratori dalla mobilità ha avuto ulteriori benefici previsti dalla Legge;

• A gennaio 2013 la Silda ha comunicato di voler andare avanti anche senza la formazione on the job, non prorogata dalla Fornero; ne abbiamo preso atto e abbiamo sottoscritto accordi in sede aziendale che andassero incontro a tale volontà, sia per i costi e sia per gli aspetti organizzativi/produttivi; tutti gli accordi non sono stati rispettati;

• A luglio 2013 presso la Regione Abruzzo l’azienda dichiara che non ci sono più le condizioni per portare avanti il progetto ( è stato redatto un verbale) e licenzia tutti i dipendenti che tornano nella condizione iniziale ( mobilità); questa soluzione è stata inevitabile poiché la Silda non ha mai presentato un nuovo piano industriale per far scattare il secondo anno di Cigs e inoltre non era in grado di garantire almeno 6 mesi di lavoro a tutti i dipendenti;

• I picchetti, come vengono chiamati, sono stati attivati poiché dalla Silda le maestranze vantano ancora diverse spettanze e neanche la fideiussione sottoscritta dalla Del Gatto (facendo rimuovere i picchetti !!!!) ad oggi è stata onorata, tant’è che presso il Tribunale di Vasto, è stata presentata il 19 agosto formale istanza di fallimento;

• La serietà del Sig.Daniele DI BATTISTA, della Silda spa e della Del Gatto è stata certificata anche dal Fondo Previdenziale di categoria ( Previmoda) che, con lettera formale agli aderenti, ha comunicato che le quote seppur trattenute in busta paga, non sono mai state versate;

• La loro serietà, inoltre, è stata ulteriormente rimarcata quando durante il presidio abbiamo ricevuto la visita della MACSENIOR SRL di Montecosaro Scalo ( MC) che, attraverso il Sig. Marco GIUSTI, chiedeva di non far uscire nessun macchinario dall’azienda, in quanto suoi e mai completamente pagati;

• Ad oggi c’è ancora in atto un sequestro conservativo confermato dal Tribunale di Vasto, diversi esposti presentati in Procura per far chiarezza sull’intera vicenda e rimane impresso in modo indelebile, negli occhi dei lavoratori, delle loro famiglie e di tutto il territorio, l’episodio accaduto alle ore 04:00 del 20 luglio 2013 quando, il Sig.Daniele DI BATTISTA alla guida di un Tir, spalleggiato da diversi soggetti ( identificati dalle forze dell’ordine ), cercava di forzare il presidio.
Quanto riportato in questo comunicato stampa può essere verificato sia con le Istituzioni locali, sia con le Forze dell’Ordine, sia con il Prefetto, sia attraverso il Tribunale di Vasto e sia con i vs. colleghi giornalisti del posto.

Tutto questo, evidentemente, stride con quanto dichiarato dalla Del Gatto soprattutto con la loro considerazione finale: 'I conti dell’azienda sono in perfetto ordine, le prospettive sono rosee e il marchio, così come il prestigio del nome, sono in costante crescita nei mercati internazionali, fra cui Russia e Cina'.

La volontà di lavoro per il nostro territorio (si è lavorato senza salario per ben 8 mesi all’interno dello stabilimento Silda spa) è sicuramente preponderante rispetto alla passiva percezione degli ammortizzatori sociali e soprattutto rispetto alla serietà, alla qualità e alla credibilità di un progetto industriale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi