Ombrelloni e sdraio lasciati in spiaggia: scatta il sequestro - Operazione della guardia costiera
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 26/07/2013

Ombrelloni e sdraio lasciati
in spiaggia: scatta il sequestro

Operazione della guardia costiera

Gli ombrelloni sequestratiLa notte scorsa la Guardia Costiera di Vasto, in collaborazione con gli operai del Comune e con uomini e mezzi della Protezione Civile, ha effettuato un nuovo maxi sequestro di oggetti lasciati in spiaggia durante le ore notturne dai bagnanti così da ritrovare il proprio posto "prenotato" il giorno successivo. 

"Numerosi i tratti di spiaggia libera, a Vasto Marina, - spiega il comandante Giuliano D'Urso -che continuano ad essere interessati da questo fenomeno". Questa notte sono stati 3 i tratti di spiaggia libera "ripuliti".

"Complessivamente - spiega D'Urso - sono state rimosse e sequestrate centinaia di attrezzature: 156 ombrelloni, oltre 10 lettini, 154 tra sedie e sdraio, 43 i contenitori con giochi da spiaggia, 3 tavolini, 2 pali in legno con relativa rete da beach volley e 2 motori fuoribordo.

Tali attrezzature - prosegue il comandante del Circomare - tra l'altro impediscono che possa essere effettuata la pulizia della spiaggia non consentendo l'accesso dei mezzi predisposti dal Comune per assicurare tale servizio ai cittadini".

I proprietari potranno recuperare il materiale loro sequestrato pagando una sanzione di 200 euro. "L'operazione  -avvisa D'Urso - si ripeterà ciclicamente durante tutto il corso della stagione balneare al fine di assicurare la libera fruizione delle spiagge libere a favore di tutti i cittadini e vedrà come ulteriori obiettivi anche i natanti lasciati in stato di abbandono sempre sulla spiaggia libera, spesso anche in prossimità delle aree dunali".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi