Silda, ancora notte di tensioni. Malore per una lavoratrice - L’ufficiale giudiziario fino a notte all’interno dello stabilimento
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Gissi   Attualità 24/07/2013

Silda, ancora notte di tensioni.
Malore per una lavoratrice

L’ufficiale giudiziario fino a notte all’interno dello stabilimento

Il lavoratori seduti davanti ai cancelliLa tensione che ieri pomeriggio si era allentata con l'arrivo dell'ufficiale giudiziario è risalita nel giro di pochi minuti durante la notte. Doveva essere la giornata in cui il sequestro conservativo disposto dal giudice poteva dare ai lavoratori una minima tranquillità, quantomeno per gli stipendi non ancora ricevuti e attesi da due mesi. L'ufficiale giudiziario è rimasto all'interno del capannone fino a notte inoltrata, per verificare documenti portati dai rappresentanti dell'azienda nel tardo pomeriggio. 

La situazione di incertezza ha convinto molti lavoratori a tornare a presidiare la fabbrica, perchè se una parte del materiale presente all'interno è stata posta sotto sequestro conservativo, altro materiale non è stato oggetto del provvedimento giudiziario.

L'arrivo dell'ambulanzaL'ennesimo colpo di scena c'è stato attorno alle 5 del mattino, quando il furgono guidato da delegato dell'azienda ha tentato nuovamente di entrare all'interno dello stabilimento, per portare via la merce, così come accaduto qualche notte fa e come era stato comunicato 2 giorni fa con un documento ufficiale. E ancora una volta i lavoratori hanno bloccato l'ingresso, sedendosi a terra sul piazzale d'ingresso, bloccando l'accesso. Sono stati momenti di tensione, con i carabinieri e la polizia che sono intervenuti per evitare il peggio. Le forze dell'ordine hanno preso le generalità dei lavoratori che pacificamente avevano messo in atto la loro protesta.

Ma la forte concitazione del momento, che si è sommata ai 10 giorni di presidio giorno e notte, ha provocato un malessere per una delle lavoratrici. E' stato necessario l'intervento dell'ambulanza del 118, che l'ha trasportata in ospedale. 

Oggi, alle 16, ci sarà l'incontro presso il Ministero dello sviluppo economico, da cui si attendono notizie su quello che sarà il futuro di queste persone. Resta il presidio, con un senso di sfiducia e di frustrazione per una storia che non sembra vedere la luce in un mare di buio.

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi